MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Terreni canapa coltivati raddoppiano, ma nelle Marche i problemi restano

Le riflessioni di Coldiretti: "servono nuove leggi"

1.108 Letture
commenti
canapa, cannabis

Nelle Marche negli ultimi anni sono più che raddoppiati i terreni coltivati a canapa.

Nelle nostre campagne circa 140 ettari, stimano da Coldiretti Marche, sono dedicati alla canapa, pianta utilizzatissima in passato per i suoi molteplici impieghi (sia nel tessile che nel settore alimentare) e poi abbandonata.

I sequestri preventivi, le sentenze che si alternano e spesso vanno in contrasto tra loro non fanno però che alimentare l’incertezza delle aziende agricole.

“La coltivazione della canapa – commenta Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – ha sempre caratterizzato una parte dell’indirizzo colturale delle aziende italiane e marchigiane.Oggi si riscopre un rinnovato interesse legato ai suoi molteplici usi: dalla filiera della fibra tessile a quella edilizia, passando dall’utilizzo alimentare a quello cosmetico. Rappresenta un settore ad alto potenziale innovativo e remunerativo per le imprese, attraendo così soprattutto le nuove generazioni, nonché un elemento agronomico di comprovato beneficio per i terreni in rotazione. Per questi motivi è urgente e necessaria una nuova regolamentazione legislativa che possa definire i confini di azione entro cui le nostre aziende possano programmare investimenti colturali e di trasformazione”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!