MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Regione Marche: approvato il PIAO, per Amministrazione più efficiente e trasparente

Castelli: "Fondamentale per avvio di un innovativo percorso di transizione amministrativa, funzionale ad utilizzo fondi PNRR"

1.340 Letture
commenti
Palazzo Regione Marche

E’ stato approvato dalla Giunta regionale, nel corso dell’ultima seduta, il PIAO, 2022-2024, il nuovo strumento di programmazione integrata delle attività e dell’organizzazione della Regione Marche.

“Un documento fondamentale – spiega l’assessore regionale al Personale, Guido Castelliche apre la strada a un innovativo percorso di transizione amministrativa, sia per il reclutamento e l’ottimale impiego delle risorse umane ma anche e soprattutto per il più efficiente funzionamento complessivo della macchina amministrativa, transizione funzionale all’efficace ed efficiente utilizzo dei fondi del PNRR”.

Nello specifico, sono state definite le linee-guida generali per tutte le strutture regionali, per l’USR e per le Agenzie regionali (ARS, ARPAM e ASSAM) ed è stato delineato un percorso di costruzione sinergica, organizzata, integrata e partecipata, con l’attivazione di un Laboratorio formativo ad hoc e l’istituzione di due gruppi di lavoro dedicati: lo staff per la redazione, gestione e monitoraggio del PIAO, coordinato dalla Dirigente della Direzione Risorse Umane e Strumentali, e la Rete PIAO-POP e Integrità (Persone, Organizzazione, Processi ed Integrità), ossia il gruppo dei referenti dipartimentali per tutti gli aspetti integrati di pianificazione.

“Questo percorso e modus operandi – dice Castelli – ha consentito di lavorare contemporaneamente sul capitale umano, sull’organizzazione e sulle procedure, su un’efficace strategia di prevenzione del rischio di corruzione, garantendo il coordinamento dei relativi strumenti e obiettivi, rispetto al contenuto di tutti gli altri strumenti di programmazione, già presenti nell’amministrazione”.

Nel PIAO tutte le attività nascono e si sviluppano nell’ambito di un sistema a cascata in cui la priorità strategica viene esplicitata in obiettivi strategici, misurati con indicatori di risultato, e a loro volta espressi in obiettivi operativi.

“Il PIAO – dichiara ancora Castelli – in virtù del suo approccio integrato, diviene un documento unico in cui confluiscono vari atti di programmazione, riorganizzati in sezioni e sottosezioni. Si parte dalla scheda anagrafica dell’amministrazione, per proseguire poi alla sezione che tratta di valore pubblico, performance e anticorruzione, fino a quella che presenta la visione di strategia di gestione del capitale umano e di sviluppo organizzativo, includendo in essa il Piano triennale del fabbisogno del personale, l’organizzazione del lavoro agile e la formazione del personale. Per finire con le attività di monitoraggio dei vari ambiti di pianificazione”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!