MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Carabinieri Forestali delle Marche: scovati quasi 700 illeciti nel 2017

91 quelli penali: diffusi tutti i dati delle attività dell'anno appena trascorso

2.868 Letture
commenti
Carabinieri Forestali

Il 15 gennaio presso la sede del Comando Regione Carabinieri Forestale “Marche”, il Comandante Regionale, Col. Fabrizio Mari, ha presentato i dati e le attività che i Carabinieri Forestali della Regione hanno svolto a difesa della biodiversità animale e vegetale nel 2017.


La tutela delle specie in via di estinzione nella Regione Marche è garantita dai Nuclei Carabinieri CITES di Ancona e Fermo, sia sul territorio regionale che presso il porto di Ancona ed Aeroporto di Falconara.

Le verifiche effettuate hanno anche riguardato i Regolamenti Comunitari “EUTR” e FLEGT sul commercio di legname.

I Carabinieri forestali della regione, hanno accertato, nelle attività di prevenzione e repressione dei reati ambientali che pongono a rischio la diversità biologica dei nostri ecosistemi, 91 illeciti penali e 571 illeciti amministrativi per un valore di Euro 269.800.

Gli accertamenti hanno riguardato principalmente il settore CITES per il contrasto ai traffici illeciti di specie tutelate dalla Convenzione di Washington, finalizzati a verificare il rispetto della normativa sul commercio internazionale di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione, nonché i settori antibracconaggio e benessere animale.

Tra le principali operazioni effettuate nel settore CITES di rilievo nazionale è stata l’Operazione “Pellegrino”, coordinata dalle Procure della Repubblica di Pesaro e di Urbino, che ha portato alla denuncia di quattro persone che rubavano giovani falchi a rischio di estinzione dal nido per poi immetterli nel circuito del commercio illegale.

Nel settore antibracconaggio, maltrattamento animale e commercio illecito di selvaggina sono state svolte due complesse operazioni in Provincia di Ancona, nei colli jesini, che hanno portato complessivamente alla denuncia di 20 persone, tra cui i gestori di un ristorante, ed al sequestro di oltre 1.200 capi di selvaggina.

Notevole anche l’attività amministrativa per il rilascio delle certificazioni di importazione ed esportazione di animali, piante e manufatti realizzati con pellami di specie protette (coccodrilli, alligatori, pitoni, boa, etc.) prevista dalla normativa CITES, con oltre 3.000 certificati rilasciati.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!