MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Sviluppo rurale, “le Marche vogliono modello condiviso con gli agricoltori”

Così Anna Casini a Ripatransone: "per il territorio, la parola d'ordine è prevenzione"

1.077 Letture
commenti
Anna Casini

“Il Piano di sviluppo rurale deve necessariamente essere flessibile e non monolitico di impostazione statale, ma occorre modificarlo su alcuni parametri in base alle esigenze avanzate dagli agricoltori e dalle associazioni di categoria.

La Regione vuole realizzare un modello condiviso dal basso con gli agricoltori e gli Enti locali, che abbia come obiettivo la tutela dell’ambiente, la riduzione del dissesto idrogeologico per tutelare la qualità delle Marche e saldare sempre più il legame col territorio attraverso procedure snelle e informatiche. Concertazione e Accordi agroalimentari d’area sono le parole d’ordine per ridurre sia i nitrati nelle acque che realizzare la prevenzione del dissesto idrogeologico”.

Così la vicepresidente della Regione Marche Anna Casini ha partecipato a Ripatransone al convegno “La Tutela del suolo e agricoltura in regione Marche – Le ragioni della nuova Politica agricola comunitaria (PAC) – Post 2020”, evento promosso dalla Regione con l’intento di portare a conoscenza degli attori locali le attività inerenti la nuova programmazione della Politica agricola comunitaria post 2020.

Durante il convegno gli interventi dei relatori hanno messo in luce che la tutela del suolo e dell’agricoltura svolgono oggi il ruolo di cerniera tra le finalità climatico-ambientali (emissione e assorbimenti gas terra) e la produzione di cibo, evitando rischi di degrado alle risorse naturali.

La parola chiave è la prevenzione.

“Prevenire significa gestire bene nell’ordinarietà e questa può migliorare attraverso regole e disciplinari da rispettare e attraverso strumenti di supporto per le imprese (servizi informativi suoli, meteo, fitosanitari, assistenza tecnica, ecc.)”, sottolinea l’ente regionale.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!