MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Isis porta terrore e morte a Parigi: attacchi terroristici, sparatorie, esplosioni in città

La Francia e tutto il mondo sconvolti dall'orrore dopo una serie di attentati nella serata del 13 novembre

3.198 Letture
commenti
Attacchi terroristici a Parigi il 13 novembre 2015

Una serie di attacchi coordinati, con terroristi  appartenenti all’Isis entrati in azione a Parigi dopo le 21.30 del 13 novembre, tra gli arrondissements X, XI e XII, colpendo in vari luoghi dove migliaia di persone erano radunate: sparatorie avvenute in alcuni locali e ristoranti come il Bataclan, il mercato Les Halles ed esplosioni allo Stade de France, dove era in corso la partita amichevole Francia-Germania, con il Presidente Francois Hollande evacuato dallo stadio dopo tre scoppi uditi distintamente.

Si parla di ben oltre cento morti, ma il tragico bilancio della tragica notte parigina, già indelebilmente macchiata dalla follia dell’Isis, sarà definitivo solo a distanza di ore da quanto è accaduto.

C’era un concerto rock nel Bataclan, noto locale di Parigi in cui si è vissuta una delle situazioni più drammatiche, con decine di persone tenute in ostaggio da un manipolo di attentatori. Il locale è stato liberato grazie a un blitz delle forze di polizia con la scena che si sarebbe presentata, di molte vittime a terra all’interno della sala. Uno dei terroristi, scampato alla morte si è professato appartenente all’Isis.

Attacchi terroristici a Parigi il 13 novembre 2015 - Stade de FranceAllo Stade de France gli attentati sarebbero stati portati da kamikaze, che facendosi esplodere avrebbero causando la morte di alcune persone.  Le notizie che rimbalzano da una fonte all’altra parlano, cercando conferma, di sei o sette diverse sparatorie in vari punti di Parigi.

Il primo capo di stato a parlare è stato il Presidente USA Barack Obama, che si è dato l’obiettivo di assicurare alla giustizia gli attentatori dell’Isis ed ha espresso vicinanza a Parigi e alla Francia. A ruota è arrivato il discorso del Presidente francese Francois Hollande, visibilmente commosso, che ha subito annunciato lo stato di urgenza in tutto il Paese e l’intenzione di chiudere le frontiere.

Attacchi terroristici a Parigi il 13 novembre 2015Mentre il quadro generale, inizialmente confuso, si va ricomponendo, anche grazie alle testimonianze dirette da parte di chi ha visto gli attentatori in azione e ha diffuso tramite i social network aggiornamenti in tempo reale. E’ infatti internet il canale di diffusione attraverso cui corrono in maggior numero gli aggiornamenti sugli attentati di Parigi, così come sui media di tutto il mondo, dove parole, immagini e notizie vengono riversate sugli utenti.

I canali internet più aggiornati per essere aggiornati sulla situazione di Parigi in seguito agli attacchi terroristici dell’Isis del 13 novembre sono ovviamente Twitter, con gli hashtag #ParisShooting,#Paris, #ParisAttacks, #Parigi, i giornali francesi come Le Monde o Le Figaro, le maggiori testate italiane come La Repubblica, il Corriere della Sera, La Stampa.


Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!