MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Olmi a rischio grafiosi, il Partito Democratico chiede l’intervento della Regione

Anna Casini: "Si tratta di una patologia che si sta diffondendo in modo incontrollato, causando vere e proprie emergenze"

1.701 Letture
commenti
Anna Casini

Ormai da tempo nelle Marche si rileva una forte incidenza della grafiosi, malattia che colpisce gli olmi diffusamente presenti nel territorio. La specie, considerata rappresentativa della vegetazione regionale, è tutelata dalla legge regionale 6/2005, vista l’importanza economica dettata dal suo impiego in vari ambiti: dalla fornitura di legname alla produzione di foraggio, fino alle preparazioni alimentari.

La questione, fino a oggi sottovalutata dalle istituzioni, approderà presto in consiglio regionale grazie a un’interrogazione del gruppo assembleare del Partito Democratico presentata dal capogruppo Maurizio Mangialardi e dalla vice capogruppo Anna Casini, sottoscritta dal tutta la compagine dem.

“La grafiosi – spiega Mangialardi – rappresenta una vera e propria calamità, probabilmente accentuata anche dal surriscaldamento globale. Transitando lungo le strade di campagna, lungo gli argini dei fiumi, nelle siepi che delimitano gli appezzamenti agricoli e osservando anche gli individui isolati, è impossibile non restare colpiti dall’ingiallimento di numerose parti delle piante, conseguenza del disseccamento, e dalla presenza di un gran numero di esemplari completamente deperiti o morti che determinano anche un pericolo per la loro precaria stabilità. Per questi motivi abbiamo deciso di sollecitare la giunta regionale ad assumere immediate iniziative affinché affronti i perniciosi effetti della grafiosi sugli olmi campestri e sugli olmi montani. Un ruolo strategico deve essere svolto dai Servizi Fitosanitari in collaborazione con le varie istituzioni a difesa del verde”.

“Purtroppo – aggiunge Casini – si tratta di una patologia che si sta diffondendo in modo incontrollato, causando vere e proprie emergenze non solo ambientali, ma anche economiche, visto che i costi derivanti incidono sui bilanci degli enti locali. L’unica possibilità di salvaguardia è rappresentata dall’utilizzo di varietà resistenti, per le quali si sta provvedendo con la produzione in vivai specializzati”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!