MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Alluvione del 15 settembre 2022: al via il Piano delle opere strutturali

Previsto lo stanziamento di 130 milioni di euro

2.038 Letture
commenti
alluvione 15 settembre 2022

Opere strutturali e infrastrutturali per oltre 130 milioni di euro quelle previste dal Piano del Commissario presentato questa mattina. Dopo le fasi delle somme urgenze e dell’erogazione dei ristori, si avvia l’importante fase della realizzazione delle opere strutturali e di mitigazione del rischio idrogeologico sul territorio colpito dall’alluvione del 15 settembre 2022.

Il piano del Commissario, da 130 milioni di euro (113 finanziati con Fondi alluvione da 400 milioni di euro e 17 milioni con Fondi Mase), prevede la realizzazione di 34 opere e 2 servizi. Il documento è stato illustrato giovedì 16 maggio nel corso di un convegno a Palazzo Li Madou ad Ancona al quale sono intervenuti tra gli altri il Presidente della Regione e Commissario straordinario per l’alluvione, il vice commissario Stefano Babini, l’Assessore alla Protezione Civile, il Segretario Generale dell’ Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Centrale Marco Casini.

Il Presidente e Commissario ha sottolineato l’importanza della fase che si sta aprendo perché a un anno e otto mesi è stato approvato un piano straordinario per le opere strutturali e infrastrutturali che totalmente porterà ad investire 130 milioni di euro nella mitigazione del rischio, nella ricostruzione dei ponti, nella messa in sicurezza del territorio, nella creazione di vasche di laminazione e casse di espansione, e soprattutto per gli interventi di manutenzione straordinaria e sistemazione idraulica dei fiumi Misa, Nevola e Cesano, e di tutte le aree che sono state colpite dagli eventi drammatici del settembre 2022. Opere fondamentali per la mitigazione del rischio possibili grazie soprattutto allo stanziamento immediato dei 400 milioni da parte dal Governo, che hanno permesso di affrontare subito le somme urgenze, i ristori per le famiglie e per le imprese: prima 5 e 20 mila euro, e poi ora, per i ristori dei danni maggiori e la fase operativa delle opere strutturali, attese da decenni in quei territori. La progettazione di alcune di queste opere è già partita. In conclusione la struttura commissariale ha voluto ringraziare il Governo nazionale perché queste iniziative che non hanno precedenti sono possibili grazie al fatto che alla Regione è stato garantito un fondo di 400 milioni. Infine l’assicurazione che l’amministrazione regionale continuerà a lavorare in questa direzione perché si ritiene che la sicurezza del territorio sia una delle priorità da mettere in campo in una regione complessa come la nostra dove il dissesto idrogeologico rischia di essere un problema per la sicurezza del territorio e dei cittadini che vi abitano.

L’Assessore alla Protezione Civile ha espresso soddisfazione per un investimento corposo che non sarebbe potuto essere messo in campo senza l’aiuto del Governo nazionale. Sono stati quindi messi in sicurezza corsi d’acqua con lavori mai realizzati prima, a detta degli stessi residenti di quelle zone che finora erano state interessate solo da una minima ordinaria manutenzione. Le opere che saranno messe in campo non riguardano una semplice messa in sicurezza ma dovranno essere in grado di contenere eventuali problematiche similari anche in futuro. È intenzione della Regione realizzare lavori che diano una risposta certa a quei territorio che di certezze purtroppo in questi decenni non ne hanno mai avute.

L’ing. Casini ha da parte sua evidenziato che l’Autorità, nell’ambito dei suoi compiti istituzionali, sta coordinando il tavolo tecnico per l’aggiornamento del quadro conoscitivo del bacino idrografico del fiume Misa fornendo anche supporto per l’esecuzione degli studi idrologici e idraulici al fine di ridefinire le condizioni di pericolosità e di rischio e di individuare le soluzioni più efficaci per la protezione del territorio e dei suoi abitanti. Questa attività si inquadra in un più ampio progetto di aggiornamento portato avanti dall’Autorità che riguarda tutto il distretto dell’Appennino centrale e che per le Marche coinvolge anche i bacini dei fiumi Metauro, Cesano e Tronto. Quest’ultimo è stato recentemente aggiornato nel tratto tra la sorgente ed Ascoli Piceno ed entro la fine dell’anno sarà aggiornato sino alla foce. Per quanto riguarda il Misa si conta di giungere all’aggiornamento del quadro conoscitivo entro l’estate per concentrarsi i subito dopo sulla individuazione degli interventi”.

Hanno inoltre portato il loro contributo la Fondazione Fondazione CIMA con lo studio e il potenziamento delle procedure di allertamento e degli strumenti di programmazione degli interventi sul bacino del fiume Misa riguardanti la regimazione dei deflussi (Soggetto Attuatore: Direzione protezione civile e sicurezza del territorio della Regione Marche); l’ Università Politecnica delle Marche (UNIVPM) che ha eseguito gli studi di supporto alla progettazione di opere di mitigazione del rischio idraulico del sistema Misa – Nevola; l’ Università degli studi di Firenze (UNIFI) che si è occupata dell’aggiornamento dei vigenti strumenti di programmazione degli interventi sul bacino del fiume Misa riguardanti la dinamica dei versanti, anche ai fini della ricognizione dei fabbisogni e dell’eventuale avvio della progettazione correlata agli interventi più urgenti di riduzione del rischio residuo e di ripristino delle strutture e delle infrastrutture danneggiate; l’ Università di Camerino (UNICAM) ha svolto attività di supporto per la definizione di un modello idrogeomorfologico nelle aree interessate dagli eventi alluvionali del 15 settembre 2022 nel bacino del fiume Misa-Nevola e prioritariamente nelle aree di Pianello, Ostra, Sassoferrato, Pergola, Cantiano e Cagli.

Gli interventi sono suddivisi in due categorie:

Interventi che presentano impatti sull’assetto idraulico dei territori colpiti

Completamento 2° stralcio realizzazione vasche di espansione sul fiume Misa in località Bettolelle – Senigallia € 975.000

Cassa di espansione sul fiume Misa in località Pancaldo nel Comune di Ostra Vetere € 4 milioni

Cassa di espansione sul fiume Nevola in località Ponte Lucerta nei Comuni di Corinaldo e Trecastelli € 3,7 milioni

Completamento realizzazione cassa di espansione sul fiume Foglia in località Chiusa di Ginestreto – Pesaro € 8 milioni

Sistemazione ponte del “2 Giugno” nel centro abitato di Senigallia € 550.000

Vasca di laminazione area “civico 105” in prossimità dell’abitato di Senigallia area Cannella Case Pergolesi inclusa area “borgo Catena” – Senigallia € 9,5 milioni

Vasca di laminazione area “Marazzana” – ampliamento Vasca di Bettolelle – Senigallia € 12 milioni

Manutenzione straordinaria e sistemazione idraulica del fiume Misa. € 3,8 milioni

Sistema sperimentale allertamento piene bacino Misa Nevola Diversi comuni € 60.000

Demolizione e rifacimento Ponte Bettolelle sul Fiume Misa in Comune di Senigallia e innalzamento livellette raccordi stradali Senigallia € 3 milioni

Demolizione e ricostruzione Ponte Misa SP 360 Arceviese nella Fraz. Pianello di Ostra e ripristino officiosità idraulica Fiume Misa a monte e a valle del nuovo attraversamento Ostra € 2,8 milioni

Demolizione e rifacimento Ponte Via delle Selve sul Fiume Misa in loc. Casine del Comune di Ostra e ripristino officiosità idraulica Fiume Misa a monte e a valle del nuovo attraversamento € 2,3 milioni

Demolizione e rifacimento Ponte SP 12 Corinaldese sul Fiume Nevola in loc. Passo Ripe del Comune di Trecastelli e ripristino officiosità idraulica Fiume Nevola a monte e a valle del nuovo attraversamento Passo Ripe 1 – Trecastelli € 2,8 milioni

Demolizione e rifacimento Ponte SP 12 Corinaldese sul torrente Nevola in loc. Passo Ripe del Comune di Trecastelli e ripristino officiosità idraulica torrente Nevola a monte e a valle del nuovo attraversamento Passo Ripe 3 – Trecastelli € 2,8 milioni

Demolizione e rifacimento Ponte Via G Matteotti sul Fiume Nevola in Comune di Trecastelli e ripristino officiosità idraulica Fiume Nevola a monte e a valle del nuovo attraversamento Trecastelli € 2 milioni

Demolizione e rifacimento Ponte Sant’Antonio sul Fiume Misa in Comune di Serra De Conti e ripristino officiosità idraulica Fiume Misa a monte e a valle del nuovo attraversamento Serra De’ Conti € 2,5 milioni

Demolizione e rifacimento Ponte San Domenico sul Fiume Nevola in Comune di Corinaldo e ripristino officiosità idraulica Fiume Nevola a monte e a valle del nuovo attraversamento – € 2,3 milioni

Sistemazione idraulica del fiume Nevola – € 2,9 milioni

Sistemazione idraulica del fiume Cesano – Pergola € 6 milioni

Cassa di espansione area ZIPA sul Fiume Nevola – Ostra € 8,2 milioni

Sostituzione sottopasso stradale realizzato con scatolare con nuovo viadotto di tipo permeabile – Area Industriale – Ostra € 6 milioni

Interventi di solo ripristino e manutenzione straordinaria che non modificano gli assetti idraulici

Interventi di mitigazione dei dissesti che interessano l’area ricadente in località Tinte nel Comune di Pergola (PU) € 6,4 milioni

Manutenzione Straordinaria per il ripristino dell’officiosità Idraulica del Fosso Burano Quartiere Le Conce in Comune di Cagli (PU) € 2,5 milioni

Ripristino officiosità Idraulica del Torrente Burano nel c.a. di Cantiano € 2,1 milioni

Manutenzione Straordinaria del Fosso Molinello nella Frazione di Petrara Serra Sant’Abbondio € 1,7 milioni

Interventi di mitigazione dei dissesti che interessano l’area ricadente in località Poggetto nel Comune di Serra Sant’Abbondio (PU) € 800.000

Interventi di manutenzione idraulica fiumi Cinisco e Mandrale – Frontone € 2,5 milioni

Manutenzione Straordinaria del Fosso delle Monache a ridosso del Centro Storico e messa in sicurezza del Ponte di Via Mulino in Comune di Serra De’ Conti (AN) € 2,1 milioni

Manutenzione straordinaria alveo Sentino area centro storico Sassoferrato € 4,4 milioni

Manutenzione straordinaria Torrente Sanguerone Loc.Via Cagli in Comune di Sassoferrato (AN) € 1,9 milioni

Interventi di manutenzione straordinaria alvei, protezione erosioni, ripristino attraversamento tubolare nell’area del torrente Sanguerone, in frazione Monterosso Stazione del Comune di Sassoferrato (AN) € 2,5 milioni

Interventi di mitigazione del rischio alluvionale lungo la “valle delle spiante” in località Castello nel Comune di Fiuminata (MC) € 1,2 milioni

Opere di Mitigazione dissesto idrogeologico Monte Catria Frontone – Serra Sant’Abbondio – Cantiano € 14 milioni

Rilievi lidar e modelli digitali del terreno a supporto delle attività di studio del bacino idrogeologico dei fiumi Misa e Nevola Diversi € 60.000

Studio per intervento di protezione del quartiere Borgo Mulino del comune di Senigallia € 150.000

Barriere paramassi a protezione della viabilità in prossimità delle Grotte di Frasassi Genga € 1,5 milioni

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!