MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Sciopero 11 aprile: da piazze delle Marche, lavoratori chiedono risposte sulla sicurezza

Altri 28 morti sui luoghi di lavoro nel 2023. CGIL e UIL: "una vera e propria guerra civile"

1.558 Letture
commenti
Sciopero CGIL e UIL: manifestazione ad Ancona

Dietro i freddi numeri ci sono storie di vite interrotte e di famiglie distrutte. Ma i numeri servono comunque per delineare i confini di quella che Cgil Marche e Uil Marche, a fronte di altri 28 morti sui luoghi di lavoro nel 2023, più altri due nel primo bimestre 2024, non esitano a definire “una vera e propria guerra civile”.

Un numero, 28, come quello dei birilli stradali allineati in piazza del Plebiscito ad Ancona nel corso della manifestazione organizzata nell’ambito dello sciopero di 8 ore indetto dai due sindacati per chiedere maggiore sicurezza nei luoghi di lavoro, salari e pensioni dignitosi e una riforma fiscale all’insegna dell’equità e della giustizia.

Presidi in tutti i capoluoghi di provincia per un’agitazione che inizialmente era stata indetta per 4 ore e che poi, a seguito della strage di Suviana, è stata estesa a 8. Nelle Marche i dati sono impietosi. Nel 2023 si sono contati oltre 40 incidenti sul lavoro al giorno, secondo i dati Inail, dove i più penalizzati sono giovani e precari in un mercato del lavoro che vede meno del 10% dei contratti attivati nell’ultimo anno a tempo indeterminato. I lavoratori ad Ancona hanno marciato simbolicamente da piazza della Repubblica a piazza del Plebiscito. Dopo gli interventi le delegazioni sono state ricevute dal prefetto Saverio Ordine al quale sono state ribadite le ragioni della mobilitazione.

“Da oltre due anni – spiega la segretaria generale della Uil Marche Claudia Mazzucchelliabbiamo lanciato la campagna Zero Morti sul Lavoro per denunciare gli inaccettabili bollettini di guerra che siamo costretti a subire ogni giorno. Lo scorso anno nella nostra regione si sono verificati circa 17mila infortuni, quasi 2 ogni ora. Sono morte 28 persone. Non è degno di un paese civile l’andare al lavoro e non sapere se si riuscirà a tornare a casa ed è per questo che chiediamo lotta alla precarietà, formazione continua per tutti, controlli intensificati e che si rivedano le norme del pacchetto sicurezza perché così come è stato presentato dal Governo, con il modello della patente a crediti, non garantiscono affatto una reale tutela delle lavoratrici e dei lavoratori”.

“Paghiamo prezzi pesanti a scelte di legge sbagliate – argomenta Marco Bastianelli, Segretario generale della CGIL di Ancona – che appaiono sempre più in contraddizione con il dettato Costituzionale sulla responsabilità sociale delle imprese: basti pensare all’indecenza del fenomeni degli appalti e subappalti a cascata ed alla sostanziale riduzione, in termini normativi come di dotazione d’organico dei servizi ispettivi del Ministero del lavoro, dell’INPS, dell’INAIL e del Servizio di Medicina del Lavoro (tema questo che chiama direttamente in causa la Regione Marche). Da quasi un anno aspettiamo le tanto narrate assunzioni di concorsi chiusi negli anni scorsi, ma – nonostante i ripetuti scioperi anche degli ispettori dell’ITL – non si vede ancora la luce.

Per quanto ancora potremo sopportare le “parate di dolore” di chi riveste responsabilità politiche e morali (governi e imprese), senza che ci sia mai un atto concreto e conseguente?”

Nelle Marche nel 2023 sono 28 le persone che hanno perso la vita lavorando. Il primo bimestre del 2024 vede le denunce di infortunio, passare da 2.434 a 2.487 con un aumento del +2.2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Anche le denunce in itinere passano da 299 a 312 (+4.3%) e rappresentano il 12.54% del totale. Particolarmente colpito è il settore industriale e servizi, poiché si passa da 1.794 a 1.844 denunce (+2.8%) e rappresenta il 74.14% del totale. Le denunce di Malattia Professionale protocollate dall’Inail, nel primo bimestre del 2024, sono state 1.261 (+119 casi) ovvero +10.4% rispetto allo stesso periodo del 2023, di cui il 90% è del settore industria e servizi.

Se si legge ancora meglio, ci si accorge che, nel 2023, sono cresciuti i dati per settori come le costruzioni (6,7%) e la gomma plastica (12,1%); mentre le fasce in cui la cifra sale sono quelle relative ai più giovani (15,8%) e agli extracomunitari (10,6%). In cinque anni, gli infortuni fra gli uomini sono scesi del 6,5%, quelli fra donne saliti del 15,2%: segno di una disparità di genere che si accentua, anche a causa di un maggior peso della precarietà.

 

GLI OBIETTIVI E LE RAGIONI DELLO SCIOPERO SONO:

ZERO MORTI SUL LAVORO

Ø La salute e la sicurezza sul lavoro devono diventare un vincolo per poter esercitare l’attività d’impresa;

Ø Cancellare le leggi che negli anni hanno reso il lavoro precario e frammentato;

Ø Superare il subappalto a cascata e ripristinare la parità di trattamento economico e normativo per le lavoratrici e i lavoratori di tutti gli appalti pubblici e privati;

Ø Rafforzare le attività di vigilanza e prevenzione incrementando le assunzioni all’Ispettorato del Lavoro e nelle Aziende Sanitarie Locali;

Ø Mai al lavoro senza un’adeguata formazione e diritto alla formazione continua per tutte le lavoratrici e i lavoratori;

Ø Una vera patente a punti, per tutte le aziende e per tutti i settori, che blocchi le attività alle imprese che non rispettano le norme di sicurezza;

Ø Diritto delle lavoratrici e dei lavoratori di eleggere in tutti i luoghi lavoro i propri Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza;

Ø Obbligo delle imprese ad applicare i CCNL firmati dalle Organizzazioni comparativamente più rappresentative ed al rispetto delle norne sulla sicurezza; quali condizioni per poter accedere a finanziamenti/incentivi pubblici.

 

PER UNA GIUSTA RIFORMA FISCALE

Ø Lavoratori dipendenti e Pensionati pagano oltre il 90% del gettito IRPEF, mentre intere categorie economiche continuano a non pagare fino al 70% delle imposte dovute. L’evasione complessiva continua ad essere pari a 90 miliardi all’anno

Ø La delega che il Governo sta applicando invece di combattere l’evasione fiscale e contributiva introduce nuove sanatorie, condoni e concordati.

Ø Non tassa gli extraprofitti, favorisce le rendite finanziare e immobiliari, il lavoro autonomo benestante e le grandi ricchezze.

Questa impostazione del Governo va contrastata e invertita:

Ø È necessario ridurre la tassazione sul lavoro dipendente e sulle pensioni, tassare le rendite e contrastare l’evasione;

Ø Promuovere così un fisco progressivo abolendo la flat tax, estendendo la base imponibile dell’IRPEF a tutti i redditi;

Ø Indicizzare all’inflazione reale le detrazioni da lavoro e da pensione e detassare gli aumenti contrattuali;

Occorre andare a prendere le risorse dove ci sono per finanziare sanità e istruzione, non autosufficienza, diritti sociali e investimenti pubblici.

 

PER UN NUOVO MODELLO SOCIALE E DI FARE IMPRESA

Vogliamo rimettere al centro delle politiche economiche e del Governo e delle Imprese il valore del lavoro a partire dal rinnovo dei CONTRATTI NAZIONALI e da una legge sulla rappresentanza, la centralità della salute e della persona, la qualità di un’occupazione stabile e non precaria, una seria riforma delle pensioni, il rilancio degli investimenti pubblici e privati per riconvertire e innovare il nostro sistema produttivo e puntare alla piena e buona occupazione anche per la nostra regione che soffre di lavoro precario e bassi salari.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!