MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Intervento del consigliere regionale Ciccioli sui contributi diretti ai Comuni

"Come è facilmente intuibile, si tratta di un’erogazione di fondi per progetti concreti, non mancette"

1.849 Letture
commenti
Carlo Ciccioli

“Mantenimento delle agevolazioni fiscali; potenziamento della spesa per investimenti a sostegno dello sviluppo regionale, anche in considerazione delle opportunità derivanti dall’inquadramento delle Marche fra le regioni “in transizione” e dall’utilizzo del PNRR; rimodulazione e riqualificazione della spesa regionale complessiva al fine di rendere più efficiente e efficace il perseguimento degli obiettivi economico finanziari strategici. Sono questi alcuni dei pilastri sui quali si poggia la manovra di bilancio per il 2024/2026 che si inserisce in un contesto complesso che ha richiesto la massima prudenza nella programmazione ed allocazione della spesa corrente, considerata la necessità di assicurare la copertura alle spese obbligatorie e ad una serie di interventi ritenuti strategici.

Grazie alla nuova programmazione comunitaria 2021-2027 e il ruolo dell’Accordo per la Coesione Rispetto, si potranno garantire investimenti importanti. Ad oggi le risorse ordinarie della programmazione 2021-27 assegnate alla Regione Marche ammontano a circa 1.034 milioni di euro, dei quali 585,7 milioni di euro sono riconducibili alla programmazione FESR e 296,1 milioni di euro alla programmazione FSE+, cui si affianca il Programma Operativo Complementare (POC) del valore di 154 milioni di euro. Inoltre la recente sottoscrizione dell’Accordo per la Coesione tra la Presidenza del Consigli dei Ministri e la Regione Marche impatterà in maniera importante sulle politiche di crescita del territorio regionale. L’Accordo arriva a mettere in campo oltre 333 milioni di euro di risorse FSC afferenti al ciclo 2021-2027 per il finanziamento di sedici investimenti strategici, con priorità per infrastrutture e reti di trasporto. A queste risorse si aggiungono ulteriori 154 milioni di euro a valere sulle assegnazioni del Fondo di Rotazione, che consentiranno di diversificare gli investimenti sul fronte del turismo, della cultura, della salvaguardia e valorizzazione del tessuto imprenditoriale regionale”. Queste le dichiarazioni del consigliere regionale di FdI, Carlo Ciccioli, a seguito dell’approvazione del Bilancio 2024/2026.

“Da parte delle opposizioni, memori di quanto realizzato in oltre 15 anni dalla sinistra, ci si sofferma sulle ‘mancette’ che in realtà sono contributi diretti per autorizzazioni di spesa al fine di realizzare interventi o completamenti di interventi già realizzati che, altrimenti, diversi Comuni marchigiani non potrebbero finire. Andando nello specifico, per quel che mi riguarda, ho pensato agli ambiti culturali, turistici e di rafforzamento della sicurezza. Nello specifico: 25mila euro al Comune di Ancona per l’evento Cultura e Identità e per il Centro Oriente-Occidente; 50mila euro, insieme alla consigliera Elezi, al Comune di Jesi finalizzati a progetti per la Fondazione Federico II e il Museo Federiciano; 15mila euro per il Comune di Senigallia per il progetto Scuole-Teatro Sferisterio; 15mila euro al comune di Ostra Vetere per la riapertura del Museo. Come è facilmente intuibile, si tratta di un’erogazione di fondi per progetti concreti, non mancette”, conclude Ciccioli.

 

Carlo Ciccioli
Consigliere di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale delle Marche

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!