MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Dura condanna al taglio di 350 milioni di Euro per la Ferrovia Adriatica

La consigliera regionale Bora: "Ennesimo ridimensionamento delle risorse per le infrastrutture marchigiane"

2.353 Letture
commenti
Manuela Bora

La Consigliera Dem Manuela Bora interviene con fermezza sul taglio di 350 milioni di euro previsto dalla Legge di Bilancio 2023/2024 voluto dal Governo Meloni sulle risorse destinate al potenziamento della Ferrovia Adriatica.

Un taglio drastico che incide pesantemente sullo stanziamento complessivo di 5 miliardi di euro, distribuiti sulle annualità dal 2022 al 2034 e approvato con la manovra di Bilancio varata nel 2021, dall’esecutivo Draghi.

La Consigliera Bora esprime la sua netta condanna: “Questa è la filiera di centrodestra: con una mano dà e con due mani toglie. L’ennesimo ridimensionamento delle risorse destinate alle infrastrutture marchigiane avrà gravi conseguenze sull’efficientamento dei trasporti e della viabilità nella nostra Regione.”

“Dal potenziamento del porto dorico, al rilancio dell’aeroporto Sanzio, fino alla recente notizia dell’ultimo taglio di risorse al progetto della linea ferroviaria Adriatica, la giunta Acquaroli continua a non mantenere le promesse fatte ai marchigiani in campagna elettorale.”

La Consigliera Bora annuncia: “Ho presentato a mia prima firma l’ennesimo atto ispettivo per chiedere chiarimenti rispetto alle motivazioni che hanno spinto il Governo Meloni a tagliare i fondi dedicati al suo tanto pubblicizzato Modello Marche. Chiediamo inoltre quali azioni il Presidente intenda intraprendere per tutelare lo sviluppo e l’efficienza del sistema ferroviario regionale, ora gravemente compromesso a seguito di questa notizia.”

Manuela Bora
Consigliere regionale PD Marche

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!