MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Controlli, sequestri, sanzioni e reati nelle acque e sulle spiagge delle Marche: tutti i dati

Le attività della Guardia Costiera durante la stagione estiva 2023

1.329 Letture
commenti
Controlli della Guardia Costiera

Con la stagione estiva ormai giunta al termine, è tempo di bilanci anche per l’attività svolta dalla Direzione Marittima di Ancona che, attraverso gli Uffici marittimi dislocati su tutto il territorio marchigiano, esercita le proprie funzioni di monitoraggio e vigilanza proprie della Guardia Costiera.

Anche quest’anno, a partire dalla metà di giugno, da Gabicce Mare a San Benedetto del Tronto, la Guardia Costiera non ha fatto mancare la propria presenza allo scopo di vigilare al meglio sull’ordinato svolgimento delle attività balneari e diportistiche, sulla sicurezza della navigazione, sulla tutela del demanio, degli specchi acquei e dell’ecosistema marino-costiero, nonché sulla filiera ittica.

A tale scopo, è stato predisposto un massiccio dispiego di Personale e mezzi nautici, composto da oltre 300militari, 12 motovedette, 9 battelli veloci ed 1 moto d’acqua; l’impegno giornaliero medio in attività con proiezione esterna è stato di circa 90 militari – tra pattuglie terrestri, imbarcati su mezzi nautici e turnisti di sala operativa – con picchi di 110 unità nel periodo ferragostano.

In particolare, proprio a cavallo di Ferragosto, sono state intensificate le attività di controllo a garanzia della sicurezza della navigazione da diporto e della balneazione, specialmente in aree interdette alla navigazione, di spiagge e di zone marittime soggette ad intenso traffico; sono state intensificate altresì le verifiche sul rispetto della specifica normativa in materia di locazione e noleggio di unità da diporto, con particolare riguardo al numero massimo di persone trasportabili, alle dotazioni di sicurezza, al possesso dei previsti titoli professionali per il comando, la condotta e la direzione nautica, in relazione al tipo di unità adibite a tale attività commerciale ed alla navigazione effettuata.

Nell’intero periodo estivo, per attività istituzionali nelle acque di giurisdizione regionale, sono state effettuate complessivamente 650 missioni navali, per un totale di oltre 1.600 ore di moto e 9.500 miglia nautiche percorse.

Controlli della Guardia CostieraGli interventi per richieste di assistenza e soccorso in mare (Search and Rescue) – tramite i numeri di utilità 1530 e NUE-112 – sono stati 55, per un totale di oltre 100 persone salvate; a ciò vanno aggiunti almeno altri 120 interventi richiesti per eventi di varia natura, riguardanti principalmente assistenza sanitaria, recupero cetacei/tartarughe spiaggiate, rilevamenti – anche satellitari – di potenziali inquinamenti marini.

Vasta e diversificata è stata l’azione condotta per la prevenzione e la repressione delle violazioni nelle materie di competenza.

In particolare, sono stati eseguiti complessivamente 11.306 controlli, sia a terra che a mare, di cui 3.977 demaniali, 2.316 sulle attività balneari, 3.285 ai fini ambientali, 1.046 sul diporto e 682 rivolti alla filiera ittica.

A corredo di tale complessa e vasta attività, sono stati elevati, dai militari, ben 252 verbali, di cui 85 per violazioni sulla condotta e sull’uso commerciale di natanti ed imbarcazioni da diporto, 93 sulla pesca, 28 per violazioni all’Ordinanza di sicurezza balneare, 43 per violazioni al Codice della navigazione e 3 per violazioni alla normativa ambientale, per un valore complessivo di oltre 345.000 euro.

Particolarmente operativa si è dimostrata la moto d’acqua GC L20, impiegata per la prima volta quest’anno nelle attività di vigilanza, a partire dall’11 agosto, negli anfratti della Riviera del Conero. L’impiego di tale mezzo ha avuto un importante ritorno operativo, avendo proceduto all’elevazione di ben 41 verbali, con un importo complessivo di circa 9.500 euro, per violazioni riguardanti la navigazione sotto costa, il mancato rispetto dei limiti di velocità e/o mancanza di dotazioni a bordo delle unità da diporto.

Le Notizie di reato inviate alle Procure marchigiane sono state, in totale, 21, di cui 3 per reati ambientali, 13 per reati sul demanio, 5 per altri reati.

In materia di pesca sono stati eseguiti anche 16 sequestri, per quasi 1 tonnellata di prodotto ittico e sanzioni pari a 36.750 euro.
Sono stati restituiti alla pubblica fruizione oltre 11.000metri quadri di demanio marittimo occupati senza possesso del titolo concessorio e sono stati effettuati svariati sequestri di ombrelloni e lettini posizionati abusivamente sulle spiagge con un totale di 412 attrezzature sequestrate.

Infine, si evidenzia anche l’assistenza fornita della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Ancona, nell’ambito del dispositivo di sicurezza predisposto dalla Prefettura di Ancona, sia in porto che a mare con i propri mezzi nautici, in occasione dell’arrivo della M/N ONG “HUMANITY 1” (16 agosto) e della M/N ONG “OCEAN VIKING” (14 settembre).

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!