MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Maltempo, sopralluogo di Acquaroli nelle zone più colpite del nord delle Marche

Il presidente della regione ha incontrato amministrazioni comunali e tecnici per fare il punto sui danni

3.192 Letture
commenti
Sopralluogo Acquaroli zone colpite da maltempo

Nella giornata di venerdì 19 maggio il presidente della Regione ha visitato le zone più colpite dal maltempo nel nord delle Marche.

I Comuni raggiunti sono stati Gabicce, Monte Grimano Terme, Sassocorvaro Auditore e Pesaro, nei quali ha incontrato le amministrazioni comunali e i tecnici per fare il punto di ricognizione delle conseguenze della pioggia e degli allagamenti nei giorni scorsi.

“Superata la fase strettamente emergenziale andiamo alla conta dei danni – ha detto Acquaroli incontrando i giornalisti a Pesaro –. Ci sono numerosi smottamenti e frane, va ripristinata la viabilità e vanno rimessi in sicurezza i luoghi più colpiti. Oggi per fortuna il tempo è più clemente e questo ci consente di fare una prima ricognizione complessiva, i cui risultati verranno trasmessi poi alla Protezione Civile Nazionale e al Ministero. I dati andranno a sostegno della richiesta già inviata dello stato di emergenza per poi poter mettere mano immediatamente agli interventi di somma urgenza a partire da strade e infrastrutture.

Purtroppo – ha continuato Acquaroli – stiamo registrando in tutto il Paese delle criticità che si stanno ripetendo a cadenza ravvicinata. Sicuramente precipitazioni così abbondanti in poco tempo mettono in crisi i territori. D’altra parte un approccio legislativo ideologico utilizzato nella gestione dei fiumi e della pulizia degli alvei, negli anni ha portato ad una normativa molto restrittiva che oggi può apparire come un limite ad una migliore manutenzione ordinaria e straordinaria e messa in sicurezza del territorio. In questa occasione comunque, nella nostra regione possiamo dire che i fiumi principali hanno tenuto.

Quello che è andato in crisi è stato il reticolo inferiore dei corsi d’acqua minore. Si è aggiunto poi il tema degli smottamenti e delle frane che hanno creato molte difficoltà in particolar modo nel pesarese e nel fermano. Viviamo in un territorio di montagne che attraverso strette valli degradano in colline che scivolano sul mare, posti bellissimi ma fragili, che vanno curati con attenzione e non possiamo assolutamente abbassare la guardia utilizzando tutti i mezzi a nostra disposizione. Rinnovo il ringraziamento ai Sindaci, ai Prefetti, alla Protezione Civile, ai Vigili del Fuoco, alle Forze dell’Ordine, ai corpi del Soccorso, ai volontari e a tutti coloro che hanno dato un contributo nei soccorsi alla popolazione e che si stanno impegnando per il ripristino dei luoghi”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!