MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

“L’8 marzo sia occasione per garantire nelle Marche il diritto alla salute delle donne”

Messaggio delle consigliere regionali del PD Anna Casini, Micaela Vitri e Manuela Bora in occasione della Giornata della Donna

1.565 Letture
commenti
Gruppo consiliare PD Regione Marche

“Avviare al più presto la campagna di prevenzione con gli screening senologici gratuiti e recuperare i ritardi sulle liste di attesa.

E’ questo il messaggio che le consigliere regionali del Partito Democratico Anna Casini, Micaela Vitri e Manuela Bora lanciano in occasione della Giornata internazionale della Donna. Un messaggio molto concreto, tanto da tradursi in una serie di atti portati in discussione in Assemblea.

Tra le situazioni più gravi denunciate dalle consigliere dem c’è quella che riguarda il blocco da metà dicembre dello screening oncologico della mammella e del collo dell’utero in tutta la regione, causato dal cambio del software applicativo utilizzato nelle strutture dell’Ast. A tal proposito la vicecapogruppo Anna Casini ha presentato un’interrogazione per sollecitare la riattivazione del servizio.

“E’ inammissibile – attacca Casiniche per un mero problema tecnico, un servizio talmente importante venga sospeso per così tanto tempo. E, ciò che è peggio, è che non sappiamo ancora quando sarà riattivato, considerato che secondo l’assessore alla Sanità Saltamartini sta funzionando tutto normalmente. Mediamente circa il 40% dei nuovi casi di malattia possono essere prevenuti o curati efficacemente proprio grazie allo screening. E’ dunque chiaro che questa situazione, di cui la giunta regionale porta una grande responsabilità, rischia di creare un danno enorme alla salute delle donne. Palesemente inutile, invece, è l’iniziativa spot promossa da Saltamartini, che l’8 Marzo offrirà alle giovani la possibilità di eseguire gratuitamente e senza prenotazione il pap-test nei Consultori Familiari di Ascoli Piceno e di San Benedetto del Tronto. Evidentemente Saltamartini considera lo screening una sorta di omaggio da offrire alle donne in un’occasione di festa, non diritto fondamentale per tutelare la loro salute”

Al tempo stesso la consigliera Micaela Vitri, già firmataria di diverse interrogazioni riguardanti ritardi e disservizi del servizio di screening, sollecita l’avvio della campagna di prevenzione con test gratuiti, sospesa dal 2019.

“Lo scorso anno – spiega Vitriil consiglio regionale approvò all’unanimità una mozione che estendeva lo screening oncologico alla mammella alle donne di età compresa tra i 40 e i 49 anni e tra i 70 e i 74 anni. Una scelta fatta in base alle più recenti statistiche che indicano una sensibile crescita dei casi diagnosticati in queste due fasce d’età. A gennaio, rispondendo a una mia interrogazione, l’assessore dichiarava che per la fascia 45-49 anni l’invito sarebbe stato biennale a partire dal prossimo aprile, mentre per la fascia 70-74 anni sarebbe partito da settembre. Purtroppo, invece, da quanto abbiamo appreso stamattina dall’assessore Saltamartini l’organizzazione del servizio è ancora in alto mare. Onestamente sono molto preoccupata per questa mancanza di attenzione e sensibilità. La Regione Marche ha il dovere di non perdere altro tempo perché il tumore al seno è il primo tra i carcinomi femminili e la sua incidenza è in continuo aumento con 55 mila nuovi casi ogni anno in Italia, di cui 1500 nelle Marche”.

E’ invece la consigliera Manuela Bora, già proponente di molte proposte di legge volte a tutelare i diritti e la pari dignità delle donne, a intervenire sull’ormai totale assenza nella provincia di Ancona di strutture sanitarie disponibili a garantire le sedute dedicate al percorso per l’interruzione volontaria della gravidanza.

“Con l’inaspettato venir meno della disponibilità della Casa di Cura Villa Igea a garantire questo servizio – afferma Borasvolto fino a poco tempo fa in collaborazione con il Consultorio Familiare di Ancona e l’Ast 2, la nostra provincia fa un balzo indietro di decenni, visto che la giunta regionale non è stata in grado di assumere un’iniziativa concreta che garantisca e dia continuità a questo servizio previsto dalla legge 194/78, alla quale, di conseguenza, non viene data piena applicabilità. Se non verranno presi provvedimenti immediati, le conseguenze di questa ignavia della Regione Marche ricadranno interamente sulle numerose donne che vengono per l’ennesima volta lasciate sole in un percorso tanto doloroso quanto difficile da portare a completamento”.

Anna Casini
Vicecapogruppo regionale del Partito Democratico – Assemblea legislativa delle Marche

Micaela Vitri
Consigliera regionale del Partito Democratico – Assemblea legislativa delle Marche

Manuela Bora
Consigliera regionale del Partito Democratico – Assemblea legislativa delle Marche

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!