MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Marche, boom di legumi: regione ai vertici per lenticchia e ceci

Le Marche sul podio preceduta solo da Umbria e Toscana

1.442 Letture
commenti
Legumi

Per produzione di lenticchia e di ceci la medaglia per le Marche è d’argento con la produzione seconda, rispettivamente, solo a Umbria e Toscana nel panorama nazionale.

È quanto rileva Coldiretti Marche in occasione della Giornata mondiale del legumi (10 febbraio) promossa dall’Unep, l’Agenzia Onu per l’Ambiente, per sostenere l’agricoltura sostenibile.

Negli ultimi 5 anni, secondo una rielaborazione Coldiretti Marche su dati Istat, la produzione di lenticchia è aumentata di quasi il 60% superando i 12mila quintali.

In crescita anche la produzione di ceci con quasi 52mila quintali, il 22,5% in più rispetto a cinque anni fa. Coltivazioni storiche per le nostre campagne minacciate però da produzioni straniere che arrivano da Paesi come gli Stati Uniti e il Canada dove vengono fatti seccare con l’utilizzo in preraccolta del glifosato secondo modalità vietate sul territorio nazionale.

Le importazioni di legumi secchi da spacciare come nazionali – precisa la Coldiretti – hanno superato in Italia i 405 milioni di chili, con un aumento record del 46% negli ultimi dieci anni, secondo una analisi su dati Istat. Ma se si torna indietro agli anni ‘60 le importazioni – continua Coldiretti – erano pari ad appena 4,5 milioni di chili, praticamente un centesimo di quelle attuali.

Per non cadere nell’inganno del falso Made in Italy acquistando un prodotto importato secco, reidratato e poi messo in scatola  – spiega Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – il nostro consiglio è di privilegiare legumi che esplicitamente evidenziano l’origine nazionale in etichetta o quelli in vendita direttamente dagli agricoltori, anche nei mercati di Campagna Amica, dove è garantita la provenienza”.

Ricchi di proteine, i legumi hanno un basso contenuto di grassi e sono ricchi di sostanze nutritive e di fibra solubile: sono considerati eccellenti per la gestione del colesterolo e per la salute dell’apparato digerente, e il loro alto contenuto di ferro e zinco li rende un alimento importante per la lotta contro l’anemia di donne e bambini. Sono un ingrediente fondamentale di diete salutari per affrontare l’obesità e per prevenire e gestire malattie croniche come il diabete, i disturbi coronarici e il cancro. Inoltre sono un cibo fondamentale nelle emergenze alimentari e poiché non contengono glutine, sono adatti anche per i pazienti celiaci.

Lorenzo Ceccarelli
Pubblicato Lunedì 10 febbraio, 2020 
alle ore 17:54
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!