MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Infrastrutture, le priorità delle Marche al Ministero

Incontro a Roma: si è parlato pure di porti e barriere antirumore

1.870 Letture
commenti
porto di San Benedetto del Tronto

Ferrovie, nodi intermodali, trasporto pubblico locale, infrastrutture stradali e ciclabili, porti e modifiche normative.

È stato corposo il dossier delle richieste che la Regione Marche ha portato all’attenzione del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

A Roma, la Giunta regionale ha incontrato nei giorni scorsi la ministra Paola De Micheli per avviare, con il nuovo Governo, “un proficuo confronto sulle esigenze e sulle priorità della comunità marchigiana”.

All’incontro hanno partecipato il presidente Luca Ceriscioli, la vicepresidente Anna Casini, l’assessora Manuela Bora e l’assessora Loretta Bravi.

Ecco alcune delle richieste presentate.
Le questioni ferroviarie vedono il raddoppio della Orte – Falconara, con la richiesta di finanziare subito la tratta di Albacina (77,6 milioni di euro), per avviare l’aggiornamento delle progettazioni dell’intero percorso marchigiano.

La soppressione dei 71 passaggi a livello ancora attivi necessita di 15 milioni per il primo triennio (protocollo d’intesa Regione – Rfi già siglato).

La Giunta chiede anche una modifica normativa, in linea con le scelte europee, per quanto riguarda le barriere antirumore, con soluzioni meno impattanti.

Corposo è anche il dossier relativo alle infrastrutture stradali: terza corsia A14 tra Porto Sant’Elpidio-San Benedetto del Tronto (con la richiesta di una variante all’abitato di San Benedetto), nuovi svincoli autostradali di Potenza Picena e Fano Nord (avvio degli studi di fattibilità), Fano-Grosseto (apertura del traforo delle Guinza, avvio lotto Urbania e finanziamento degli altri lotti).

Prioritari, per la Regione, sono anche gli interventi sulla Rete ciclabile regionale d’interesse nazionale e le risorse necessarie per gli interventi nei porti di competenza dell’Autorità del Mare Adriatico centrale e di interesse regionale, per complessivi 138,27 milioni di euro stimati: Ancona 62,2 – Pesaro 14,57 – San Benedetto del Tronto 22,5 – Fano 11,00 – Senigallia 7,00 – Numana 11,8 – Civitanova Marche 8,00 – Porto San Giorgio 1,2.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!