MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Terremoto e ricostruzione: “serve un governo”

Le parole di Ceriscioli nell'anniversario del sisma

1.356 Letture
commenti
Luca Ceriscioli

“Nella grande tragedia del sisma fatta di migliaia di persone senza casa, una distruzione che per la nostra regione ha significato più di 40mila edifici danneggiati, la parte più significativa e chiaramente irrecuperabile è quella delle persone che hanno perso qui la vita.

51 persone che sono per noi un punto di riferimento costante nell’impegno che mettiamo ogni giorno per restituire alla comunità tutte le condizioni migliori e più dignitose di vita. Il 24 agosto è quindi giusto dedicarlo a loro, ai familiari, a chi porterà per sempre addosso il dolore di quelle giornate e delle perdite che ci sono state.

In merito alla ricostruzione noi abbiamo sempre sottolineato, da un anno e mezzo a questa parte, come fosse difficile lavorare se non si andavano a semplificare enormemente le regole sia nella ricostruzione pubblica che privata. Il governo è stato quindi per noi il protagonista della ricostruzione. E’ chiaro che non avere il governo è la cosa peggiore. Non sai neanche a chi rivolgere le critiche. L’ultimo anno è passato, da questo punto di vista, invano: non ha prodotto nessun cambiamento significativo.

Speriamo che presto ci possa essere un nuovo governo che finalmente comprenda come, senza un cambiamento forte sotto il profilo delle regole, sia difficile andare al ritmo di cui avrebbero bisogno i territori, i cittadini e tutte le Marche. La Regione in questi anni c’è sempre stata e ci ha messo tutto l’impegno. Noi però siamo quelli che applicano le regole che ci vengono date.Cerchiamo di applicarle al meglio, anzi troviamo ogni volta la strada per cercare di fare prima, però nei limiti di procedure che, quando sono burocratiche come quelle ordinarie, mettono sui tecnici delle responsabilità enormi che producono di fatto la lentezza nella approvazione. Quindi noi non ci siamo fatti indietro: sono cambiati tre governi, forse ne arriverà un quarto ed è bene che, chi invece ha la titolarità delle regole, capisca finalmente che senza questo cambiamento è impossibile migliorare il ritmo. Attraverso la semplificazione invece, avremmo la possibilità di dare grande accelerazione”.

Lo ha detto il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli arrivatoil 24 agosto pomeriggio ad Arquata del Tronto per partecipare, nel giorno del terzo anniversario del sisma, alla Messa officiata nella chiesa dell’area Sae di Pescara del Tronto da mons. Roberto De Odorico e dal parroco di Arquata don Nazzareno Gaspari. Nel corso della sua visita il presidente Ceriscioli ha incontrato anche il presidente della Federazione degli ingegneri delle Marche Massimo Conti e i responsabili provinciali. Insieme hanno condiviso le considerazioni sull’esigenza di velocizzare la ricostruzione con l’auspicio di un miglioramento nel quadro normativo.

Alla commemorazione celebrata dal Vescovo di Ascoli Piceno mons. Giovanni D’Ercole a Pescara del Tronto invece, era presente, come già negli scorsi anni, la vicepresidente della Regione Marche Anna Casini. Pescara del Tronto è la frazione marchigiana di Arquata che ha pagato il più alto tributo di vittime ricordate nome per nome con 51 rintocchi di campana.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!