MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Aree colpite dal sisma: 15 milioni dal Por Fesr per il rilancio dei territori terremotati

Bora: “Rafforzare la competitività con l’innovazione”. Sinergie con il Fse per formare il personale

1.588 Letture
commenti
POR FESR Marche 2014-2020

L’innovazione come propellente per lo sviluppo dei territori terremotati e il rilancio delle attività produttive danneggiate dal sisma.

La Regione mette a disposizione 15 milioni di euro del Por Fesr Marche 2014-2020 attraverso un primo bando che favorisce l’aggregazione delle imprese nell’area del cratere e nei comuni limitrofi. I settori interessati sono quelli dell’agroalimentare, salute e benessere, meccatronica, casa e arredo, moda. Le domande di partecipazione andranno presentate dal 3 settembre al 31 ottobre 2018.

Il bando, in pubblicazione sul Bur del 28 giugno, è riservato alle micro, piccole e medie imprese esclusivamente in forma associata. Sostiene programmi di investimento che prevedono lo sviluppo di linee di innovazione “orizzontali” (come il recupero e trasformazione degli scarti agroalimentari a fini food e no food, lo sviluppo di macchine intelligenti e di sistemi di automazione avanzati, la bioedilizia e la valorizzazione dei materiali naturali che caratterizzano il territorio) e “trasversali”, come i sistemi di tracciabilità, il risparmio energetico, nuove forme di marketing, il sostegno all’internazionalizzazione.

È prevista anche un’integrazione con le opportunità offerte dal Fondo sociale europeo: le imprese beneficiarie potranno accedere al Fse per la formazione del personale e l’individuazione di nuove figure professionali legate allo sviluppo dell’investimento finanziato.

“La Regione punta a rafforzare la competitività delle filiere del made in Italy, presenti nelle aree gravemente colpite dal sisma, promuovendo l’introduzione di tecnologie e servizi ad alta intensità di conoscenze per favorire la diversificazione, la qualità dei prodotti e un miglioramento dei processi produttivi – afferma l’assessora alle Attività produttive, Manuela BoraIl rilancio delle aree terremotate richiede una ripresa economica che sappia recuperare il tempo perduto, acquisire nuove quote di mercato, proporsi con una strategia coordinata e prodotti innovativi.

Con questo primo bando intendiamo sostenere e accrescere la riconoscibilità dei prodotti sui mercati, veicolando l’identità dei territori di riferimento. L’attivazione di sinergie e complementarietà fra imprese e promotori dell’innovazione, come gli organismi di ricerca, enti locali, imprese creative e del terziario avanzato, fornisce opportunità nuove di rilancio e ripresa delle aree colpite dal sisma”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!