MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Anziani e residenze protette nelle Marche, interrogazione di Bisonni sulle liste d’attesa

Il Consigliere regionale chiede se il Piano di Convenzionamento sia sufficiente per una risposta adeguata e rapida

2.140 Letture
commenti
Sandro Bisonni

Anziani e residenze protette oggetto di una nuova interrogazione presentata dal Consigliere regionale Sandro Bisonni (Gruppo misto).

Attraverso il quesito posto al Presidente della Giunta si chiede di conoscere quanti anziani, sia a livello regionale che per distretto sanitario, siano attualmente in lista di attesa per un posto convenzionato nella Residenza protetta o in quella sanitaria assistenziale. Inoltre, si intende sapere se i 3.957 posti (3.702 per non autosufficienti e 255 per persone colpite da demenza) previsti con il Piano di convenzionamento 2017 per le stesse residenze, siano sufficienti a garantire una risposta adeguata entro tempi non eccessivi.

“Nelle Marche – sottolinea Bisonni – è presente un elevato numero di anziani non autosufficienti, di cui molti ultrasessantacinquenni beneficiari di indennità di accompagnamento. Ai fini della programmazione degli interventi, un dato importantissimo è proprio quello inerente le liste di attesa. In tal senso, la delibera di Giunta del 2010, che riporta la convenzione tra Asur e residenze protette, stabilisce le modalità di accesso, disponendo che, nel caso non siano disponibili posti convenzionati, il cittadino venga inserito in una lista di attesa di livello distrettuale o sovra distrettuale.

Il consigliere ricorda, inoltre, che nel Rapporto 2018 sull’organizzazione dei servizi sanitari e sociali nelle Marche, curato dall’Agenzia sanitaria regionale, si afferma che “in tutti i distretti sanitari esiste un governo dell’accesso alle strutture residenziali e semiresidenziali insistenti sul territorio con liste di attesa distrettuali e in tutti è attivo il percorso di dimissione protetta”.

“Con questa interrogazione – conclude Bisonni – si intende sottolineare l’importanza di garantire ai nostri anziani e ai nostri cari malati un adeguato numero di posti tali da garantire una risposta adeguata alle liste di attesa entro tempi non eccessivi”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!