MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Regione Marche: passa la riforma dello Statuto

Il nuovo voto favorevole in seconda "lettura" permetterebbe di scegliere tutti gli assessori esternamente

3.470 Letture
commenti
Il Consiglio della Regione Marche

Approvato nella seduta del Consiglio regionale delle Marche di martedì 28 ottobre, l’emendamento Perazzoli, che lascia al presidente della Giunta la possibilità di scegliere tutti gli assessori al di fuori dei componenti del Consiglio.


Perazzoli ha garantito che “ciò non comporterà un aggravio dei costi della politica” ma la proposta – dei democratici – è stata contestata dal presidente Gianmario Spacca, che voleva mantenere l’attuale formula (uno esterno e cinque interni).

La frattura ha sostanzialmente determinato una nuova maggioranza nel Consiglio Regionale (Pd, Ncd, Idv, Socialisti, parte dell’Udc e sinistra Rc e Pdci).

Dure critiche da Fdi-An, Fi e Sel, il cui consigliere regionale Massimo Binci ha sottolineato: “al fine di ridurre le spese dei Consigli regionali si era votato negli ultimi due anni per ben due volte – e a maggioranza assoluta – la riduzione del numero dei consiglieri da 42 a 30, prevedendo in più il limite di un solo assessore esterno. Ora si cambia idea: ci sarà un incremento di spesa pari a 150 mila euro l’anno, reintroducendo una sorta di listino di non eletti “trombati” o nominati dalle segreterie di partito anziché dagli elettori marchigiani. Questa nuova strana maggioranza che si è creata non ha saputo resistere al regalarsi un ulteriore premio di maggioranza di sei poltrone per recuperare il taglio dei consiglieri da 42 a 30″.

Il presidente della Regione Spacca, nel ricordare che la proposta “non genera una modifica immediata dello Statuto regionale, visto che si è soltanto alla prima ‘lettura’ e servirà un altro voto, definitivo, in seconda lettura“, ha ammesso che il “dibattito del 28 ottobre ha evidenziato toni e argomentazioni su cui si dovrà fare una riflessione seria da parte di tutte le forze in campo affinché l’azione di governo non sia turbata da una fase molto incerta e piena di contraddizioni.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!