MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Referendum, l’affluenza definitiva alle urne per la riforma costituzionale è sopra il 65%

Nelle Marche la percentuale è più alta rispetto alla media nazionale: ha votato quasi il 73% degli aventi diritto

3.455 Letture
commenti
Elettori alle urne a Senigallia per la votazione per il referendum costituzionale del 4 dicembre 2016

Altissima, oltre le aspettative, l’affluenza alle urne per il referendum costituzionale di domenica 4 dicembre. Alle ore 23, si è definitivamente assestata oltre il 65% la percentuale degli elettori a livello complessivo (Italia + Estero). Questo il dato diffuso dal Ministero dell’Interno sul quesito referendario recante “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione“.

AGGIORNAMENTO ORE 23 – Il 65,47% degli elettori si è recato alle urne, o nel caso dell’estero ha votato per corrispondenza, per esprimere un consenso o un diniego al quesito referendario: in massa gli elettori hanno scelto di esprimersi su una delle questioni politiche più dibattute e più votate degli ultimi anni.

Questo il dettaglio per la regione Marche: la terza e ultima rilevazione parla di un dato marchigiano quattro punti sopra la media nazionale: alle ore 23 ha votato il 72,84% degli aventi diritto. Nella provincia di Ancona la percentuale è del 73,69%; in quella di Pesaro-Urbino è del 74,87%; in provincia di Macerata il dato è 70,84%, in quella di Fermo 72,02%, in quella di Ascoli Piceno 71,09%.

AGGIORNAMENTO ORE 19 – Il 57,48% degli elettori si è recato alle urne per esprimere il proprio “sì” o “no” al quesito referendario: dunque un elettore su due ha scelto di esprimersi su una delle questioni politiche più dibattute degli ultimi anni. Il totale degli aventi diritto ammonta a oltre 46 milioni, di cui 22.465.280 uomini e 24.249.670 donne.

Per quanto riguarda la regione Marche: anche in questa seconda rilevazione il dato marchigiano è di poco sopra la media nazionale: alle ore 19 ha votato il 60,17% degli aventi diritto. La percentuale è del 60,84% nella provincia di Ancona; del 57,86 nell’ascolano, del 59,11 nella provincia fermana. A Pesaro Urbino il 63,38%, mentre a Macerata il 57,05%.

AGGIORNAMENTO ORE 12 – La percentuale esatta è dell’affluenza alle ore 12 di domenica 4 dicembre è il 20,14% degli aventi diritto al voto.
Vediamo la situazione nelle Marche dove ha votato il 20,22% degli elettori: ora il risultato provincia per provincia.
A Pesaro Urbino ha votato il 21,96% degli elettori; in provincia di Ancona il 20,88%; più simile la percentuale tra Macerata, Fermo e Ascoli: nelle prima di queste tre province il dato si è assestato al 19,14%; arriva a 18,96 nel fermano mentre Ascoli segna il dato più basso con il 18,47%.

Si è votato domenica 4 dicembre, con i seggi rimasti aperti dalle ore 7 alle ore 23.

Alcune polemiche sono emerse durante la giornata referendaria per il fatto che le cosiddette matite “copiative” potevano essere cancellate su fogli di carta normali. Una nota del Ministero dell’Interno spiega che le matite, in uso da anni, sono indelebili sulla scheda elettorale, scopo esclusivo per cui sono state ideate.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!