MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Sisma 24 agosto, Forza Italia all’attacco sui Comuni esclusi dal cratere

Marcozzi: "Se il centrosinistra non va a vedere i comuni interessati dal terremoto, non potrà capire le situazioni reali"

2.001 Letture
commenti
Palazzo lesionato a Tolentino dopo il terremoto del 24 agosto 2016

Sulla scelta di non includere alcuni dei comuni terremotati dall’elenco di quelli compresi nel cosiddetto “cratere” si caglia il gruppo consiliare in Regione Marche di Forza Italia. “E Falerone? Santa Vittoria in Matenano? Camerino e Tolentino? Ascoli, Macerata e Treia? Smerillo e Montefalcone? Dove sono? Solo per fare degli esempi! – dichiara Jessica Marcozzi, capogruppo FI – Siamo stufi di dover rincorrere, come al solito, la politica del Pd che, tra crateri, carte e promesse, si dimentica continuamente di coloro che soffrono, che sono in difficoltà, che non hanno più case agibili o posti di lavoro.”

“Qui parliamo di sfollati, oltretutto con l’inverno alle porte, di scuole inagibili, di chiese e strutture pericolanti, attività produttive in ginocchio. Il Centrosinistra, con il Pd in testa, non riesce davvero a capire come muoversi nell’emergenza e nemmeno nel post-emergenza facendo figli e figliastri con un decreto sulla ricostruzione. Lasciano fuori Comuni che hanno enormi difficoltà, con i Sindaci chiamati come al solito a fare da parafulmine e a caricarsi le esigenze dei cittadini. Il centrosinistra, con quest’atteggiamento superficiale e pressappochista, non fanno altro che aumentare la voragine tra i rappresentati e i rappresentanti.”

“Il commissario per la ricostruzione Vasco Errani si inventa la mappa microsismica dell’intensità del danno per giustificare la lista dei Comuni. L’Amministrazione regionale deve, a questo punto, chiarire la sua posizione. Vuole starsene a guardare? Devono spiegarci secondo quale logica sono stati tagliati fuori Comuni che hanno subito ingenti danni e che hanno tra i loro residenti moltissimi sfollati. L’Amministrazione ci dica se la classificazione rispetto al cratere riguardava o meno la quantificazione del danno o era calibrata sulla distanza dall’epicentro del sisma. Siamo dinanzi a danni effettivi, tangibili. Ma se il centrosinistra non va di persona nei Comuni, non parla con la gente e con i rappresentanti comunali delle istituzioni, limitandosi alle sfilate, non li conoscerà mai.”

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!