MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Batterio listeria in Marche e Umbria, interrogazione al Ministro della salute

Lorenzin risponde a Brignone sulla contaminazione della coppa di testa prodotta dal Salumificio Monsano

2.103 Letture
commenti
Il batterio Listeriosi monocytogenes

E’ stata presentata dalla deputata marchigiana di Possibile, Beatrice Brignone, un’interrogazione al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, per i fatti che hanno interessato nel 2015 il Salumificio Monsano s.r.l., sito a Monsano in provincia di Ancona, sui sospetti casi di decessi collegati al batterio killer Listeria monocytogenes presente nella coppa suina distribuita dall’Azienda.

L’ipotesi che il batterio “Listeria monocytogenes” avesse contaminato il prodotto alimentare era scaturita dalla segnalazione di una persona malata e colpita da Listeria, la quale aveva dichiarato di aver acquistato il prodotto del Salumificio Monsano. Infatti, da controlli successivamente effettuati sul campione del prodotto acquistato, lo stesso era poi risultato infettato dal batterio killer.

Il Ministro della Salute, rispondendo alla mia interrogazione, ha confermato che il laboratorio di riferimento per Listeria monocytogenes dell’Istituto Zooprofilattico dell’Abruzzo e del Molise ha riscontrato l’agente patogeno sul campione di coppa di testa prodotta dal Salumificio Monsano corrispondente al ceppo isolato su uno dei pazienti e al cluster di altri 13 pazienti delle Marche“.

Inoltre, non sembrano sussistere dubbi – continua la parlamentare senigalliese – che almeno il caso della paziente deceduta in Umbria sia correlato al consumo dell’insaccato prodotto dall’azienda di Monsano“.

Il Ministero ha comunque diramato un avviso di sicurezza rivolto ai consumatori informandoli che il prodotto denominato “coppa di testa” del Salumificio Monsano è risultato contaminato.

Poiché il batterio è un germe che contamina l’ambiente, il Salumificio, che nel frattempo ha sospeso l’attività di produzione e vendita di tutte le tipologie di alimenti, avrà l’attenzione di tutte le Istituzioni demandate al controllo a tutela del consumatore e il Ministero ha garantito che continuerà a seguire attentamente l’evolversi della situazione.

Nuovi casi però potrebbero registrarsi fino a maggio prossimo tenuto conto che della lunga incubazione della malattia” conclude la deputata di Possibile, Beatrice Brignone.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!