MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Le Lavoratrici dimenticate delle Marche in piazza a Bologna il 6 maggio

CGIL, CISL e UIL Marche: "Le donne sempre soggetti deboli del mercato del lavoro marchigiano"

1.363 Letture
commenti
imprenditoria femminile, donne manager, donna, azienda, imprese rosa

Le donne continuano ad essere i soggetti deboli del mercato del lavoro marchigiano, anche gli ultimi dati confermano il divario di genere riguardante l’occupazione.

Rispetto al 75% degli uomini, solo il 59,7% di donne sono occupate con un gap di oltre 15 punti; ancora più allarmante il dato riguardante l’inattività: il 34,9% di donne inattive rispetto al 21,5% degli uomini; circa 163.000 donne nelle Marche non cercano neanche più lavoro “una rassegnazione che comporta una dispersione di energie, potenzialità, talenti e che impoverisce la nostra comunità e il nostro tessuto produttivo. – commentano Loredana Longhin, Cgil Marche, Cristiana Ilari, Cisl Marche e Claudia Mazzucchelli, Uil Marche – Le donne spesso non lavorano o continuano a lavorare poco e male.”

Anche il problema della qualità del lavoro colpisce maggiormente le donne: il rapporto Inail segnala la crescita del fenomeno delle dimissioni delle lavoratrici madri: 1156 nel 2021 rispetto alle 759 del 2020. “E quando il lavoro c’è per le donne è troppo spesso a tempo determinato, in part time, con orari ridotti quindi con bassa retribuzione, e con un divario salariale di genere, se consideriamo la parte variabile della retribuzione, stimato al 25% nel privato e al 17% nel pubblico. – continuano le sindacaliste – Disoccupate, inattive, lavoratrici più povere, con carriere più discontinue o mansioni più basse, sovente non valorizzate rispetto alle loro competenze oppure, al contrario, con bisogni formativi fondamentali per l’accesso al lavoro, con maggiori carichi di cura della famiglia, sempre più sproporzionati in relazioni alle dinamiche demografiche. “

La complessità del contesto regionale è fatta di debolezze ormai stratificate tali da esigere chiavi di lettura condivise per elaborare proposte fattive frutto dell’ascolto e del dialogo con i soggetti sociali, a partire dal Sindacato confederale che rappresenta migliaia di lavoratrici marchigiane.

“Un ascolto e un dialogo che ancora una volta purtroppo registriamo come deficitario: basti pensare al prossimo convegno sulla ‘Parità di genere nel mondo del lavoro’, organizzato dalla Commissione Pari Opportunità della Regione Marche per il 6 maggio, senza dare voce alle tante lavoratrici marchigiane, evitando qualsiasi confronto con il Sindacato che le rappresenta. – denunciano Longhin, Ilari e Mazzucchelli – Lavoratrici marchigiane che dalla piazza di Bologna, alla manifestazione unitaria del 6 maggio organizzata da CGIL CISL UIL, faranno sentire chiaro il loro dissenso contro scelte politiche regionali e nazionali che non le tutelano. Abbiamo invece bisogno di politiche che affrontino le problematiche del lavoro femminile partendo dai bisogni reali. – rilanciano e concludono le Segretarie regionali di Cgil Cisl Uil – Più lavoro di qualità, più formazione mirata, contrasto alla povertà educativa e forte investimento sull’innalzamento delle competenze, più sicurezza e legalità, un welfare strutturato e strutturale con servizi che favoriscano la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e la condivisione dei carichi familiari. Nella consapevolezza che non c’è vero sviluppo senza equità e parità di genere, non c’è vera crescita senza l’inclusione e la valorizzazione delle donne nel mercato del lavoro.”

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!