MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Bocciato emendamento del PD per stanziare 8,5 milioni di euro per famiglie alluvionate

Mangialardi: "Grave errore, la spesa corrente per i contributi territoriali andava tagliata e indirizzata in un Fondo di emergenza"

2.139 Letture
commenti
Maurizio Mangialardi

“Purtroppo ad Acquaroli è mancato il coraggio, e forse anche la sensibilità, per dare una risposta vera ed efficace ai territori delle valli del Misa e del Nevola drammaticamente colpiti dall’alluvione del 15 settembre.

La bocciatura del nostro emendamento alla legge sull’assestamento di bilancio che prevedeva la costituzione di un fondo di emergenza di 8,5 milioni di euro per il 2022 a sostegno immediato di famiglie e imprese, rappresenta un gravissimo errore. Avevamo lavorato per giorni al documento deliberato dalla giunta regionale, recuperando le risorse necessarie con il taglio della spesa corrente inserita nella famigerata tabella E, ovvero una serie di contributi a pioggia disseminati sull’intero territorio regionale che, in questo tragico momento, dal nostro punto di vista, sarebbero dovuti essere reindirizzati per far fronte all’emergenza.

L’emendamento che abbiamo proposto in consiglio, tra l’altro, salvaguardava tutti gli investimenti previsti per progetti scolastici, infrastrutturali e di efficientamento energetico, risultando dunque pienamente compatibile con le esigenze strategiche di quegli enti pubblici e privati che ne erano destinatari.

Evidentemente, come dicevo, ad Acquaroli e ai suoi è mancato il coraggio di tornare indietro rispetto alle promesse fatte in lungo e in largo durante la campagna elettorale. I fondi da loro stanziati, non solo sono minori di quelli previsti dalla nostra proposta, e quindi assolutamente insufficienti, ma non mettono in tasca neanche un euro ai tanti cittadini alluvionati per coprire le esigenze più impellenti. A chi ha perso tutto tra il fango e l’acqua, e avrebbe avuto bisogno di liquidità immediata, non resta che attendere le risorse nazionali che giungeranno a seguito del riconoscimento dello stato di emergenza”.

Così il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi commenta l’odierna bocciatura in consiglio regionale dell’emendamento del Pd alla proposta di legge sull’assesstamento di bilancio, che prevedeva per il 2022 l’istituzione di un fondo di emergenza di 8,5 milioni di euro a favore delle comunità alluvionate.

Mangialardi è poi voluto intervenire anche sui gravi danni che hanno reso inagibile il ponte Garibaldi a Senigallia: “Stiamo parlando di un’infrastruttura fondamentale per la città, che deve essere ripristinata al più presto. Mi ero già occupato di questo tema con varie interrogazioni in consiglio, affinché la Regione Marche accelerasse il rifacimento di ponte Garibaldi come previsto dall’assetto di progetto. Purtroppo ciò non è avvenuto, ora però non c’è tempo da perdere: senza l’immediata ricostruzione del ponte i disagi per i cittadini e soprattutto i danni economici per le attività del centro storico saranno incalcolabili”.

da Gruppo assembleare del Partito Democratico – Assemblea Legislativa delle Marche

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!