MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Regione Marche: priorità per i vaccini a disabili e soggetti fragili

Biancani: "Impegno della Giunta a programmarli all'inizio della fase 2, riconosciuta la necessità di un percorso prioritario"

1.165 Letture
commenti
Vaccini

Disabili e persone fragili saranno i primi ad essere vaccinati nella fase 2. E’ l’impegno annunciato dall’assessore alla sanità Saltamartini in risposta all’interrogazione discussa in Aula a firma del Vicepresidente Andrea Biancani, sottoscritta dai consiglieri Pd Maurizio Mangialardi, Antonio Mastrovincenzo e Micaela Vitri.

“E’ un risultato importantesottolinea Biancaniuna scelta di responsabilità della Giunta verso categorie più esposte al contagio per la difficoltà nel rispettare le misure di prevenzione del virus. Sebbene la Regione sia tenuta a seguire le indicazioni generali del Piano strategico di vaccinazione nazionale – aggiunge -, è nelle sue prerogative definire un ordine di priorità più specifico e nella nostra interrogazione abbiamo proposto di inserire il prima possibile, nella fase iniziale o al massimo all’inizio della fase 2, dopo gli operatori sanitari e sociosanitari, gli ospiti e il personale delle Rsa e le persone ultra ottantenni, i soggetti disabili, i loro assistenti e i familiari”.

L’interrogazione fa riferimento in particolare a“persone con disabilità motorie, con disturbi dello spettro autistico, disabilità intellettiva o sensoriale, o problematiche psichiatriche e comportamentali, o non autosufficienti con necessità di supporto”.

“Alle loro fragilità si è aggiunta in questi mesi la difficoltà nell’adottare le misure di prevenzione contro la diffusione del virusrimarca BiancaniSono stati, necessariamente, esentati dall’obbligo normativo di indossare la mascherina per le particolari condizioni fisiche e psichiche che vivono e per la necessità di assistenza per alimentarsi e per le altre esigenze quotidiane. Da tempo tante associazioni chiedevano di prevedere per loro una corsia preferenziale e questo riconoscimento non dovrebbe, tra l’altro, modificare eccessivamente il programma di vaccinazione in corso, considerando che non coinvolge un numero molto elevato di persone”.

Da Andrea Biancani, Vicepresidente Consiglio regionale (Pd)

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!