MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Marche, 1,2 miliardi di export in meno tra gennaio e ottobre

Nei primi tre trimestri del 2020 imprese regionali hanno esportato merci per 7,9 miliardi di euro. Dati Centro Studi Cna Marche

lavoro, occupazione, edilizia

Un calo di 1,2 miliardi di euro per l’export delle Marche nei primi nove mesi dell’anno. Un dato allarmante che impone, per la Cna, di raddoppiare gli sforzi nel 2021, per sostenere l’internazionalizzazione delle imprese marchigiane.


Nei primi tre trimestri del 2020, secondo il Centro Studi Cna Marche, che ha elaborato i dati Istat, le esportazioni delle Marche sono calate del 13,2%, quindi più rapidamente di quanto è avvenuto per il Paese nel suo complesso (-12,5%), per il Centro Italia (-11,8%) e per le regioni del Centro e Nord Est simili alle Marche per struttura economica e importanza delle Pmi (Veneto -11,0%, Emilia Romagna -10,6%; Toscana -10,9%).

Questa diminuzione provoca un calo dell’incidenza delle Marche nell’export italiano dal 2,6% del 2019 al 2,5% del 2020.

“La perdita di oltre un miliardo di export nei primi nove mesi dell’anno”commenta Otello Gregorini segretario Cna Marche “soprattutto nel tessile abbigliamento, nella nautica e nella meccanica impone di raddoppiare gli sforzi nel 2021 per favorire la presenza delle nostre imprese sui mercati esteri. Vanno stanziate risorse adeguate per promuovere l’internazionalizzazione e va consolidata e rafforzata la collaborazione tra Regione, Camera di Commercio e associazioni di categoria”.

Le difficoltà dell’export marchigiano si siano concentrate (in termini assoluti) nel sistema moda (-11 miliardi di euro di export) ma soprattutto nei mezzi di trasporto (-21,2 miliardi), dove evidentemente l’export del settore nautico ha segnato il passo. Sono diminuite fortemente anche le esportazioni dei macchinari (-9,7 miliardi) e dei prodotti della meccanica diversi da macchinari e elettrodomestici (-6,7 miliardi), che costituisce un settore molto ampio e importante per le Marche, che va dalle armi ai termosifoni. Sono cresciute, invece, nei primi nove mesi, le esportazioni di articoli farmaceutici (+27,3%) e, per fortuna, quelle di prodotti alimentari (+1,9%) la cui competitività rispecchia il dinamismo di produzioni fortemente diffuse e radicate sul territorio marchigiano.

“La perdita di export della regione nei primi nove mesi 2020” secondo Giovanni Dini direttore Centro Studi Cna Marche “è dovuta alle difficoltà dei primi due trimestri; nel terzo trimestre le Marche perdono ancora export rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-1,7%) ma in maniera meno marcata rispetto all’Italia (-4,9%) e a due regioni simili per importanza del manifatturiero: Veneto (-2,5%) ed Emilia Romagna (-2,9%).”

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!