MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Lieve aumento degli incidenti stradali nelle Marche

I dati della Polizia Stradale relativi al periodo estivo: sempre più spesso tra le cause l'utilizzo di cellulari alla guida

2.698 Letture
commenti
Polizia Stradale: incidente

Un primo bilancio delle attività e dei risultati operativi della Polizia Stradale nelle Marche durante il periodo estivo è stato tracciato dal Dirigente del Compartimento, il dr. Alessio Cesareo.


Dal 1 giugno al 12 agosto u.s. sono state impiegate sul territorio di competenza ben 2800 pattuglie circa, di cui quasi duemila sulla viabilità ordinaria mentre le restanti sulla rete autostradale per il tratto da Cattolica a S. Benedetto del Tronto.

Il numero degli incidenti stradali rilevati, di cui occorre purtroppo segnalare un lieve aumento, con un netto sbilanciamento di quelli mortali che in occasione della stagione estiva, subiscono sempre un’impennata per l’incremento del traffico ed il maggior numero di veicoli a due ruote circolanti che si riversano nel complesso scenario della rete stradale, sono stati 182 in ambito autostradale, di cui 2 con esito mortale e 33 con lesioni, mentre 535 di cui 5 con esito mortale e 310 con lesioni, hanno riguardato la rete stradale ordinaria.

L’attività di vigilanza stradale sul territorio di competenza regionale ha riguardato non solo il presidio delle maggiori arterie stradali e del tratto autostradale (quest’ultimo anche attraverso il filtraggio dei veicoli, in entrata ed uscita, compresi quelli adibiti al trasporto merci ed animali vivi, con l’ausilio dei Reparti ordinari, riservando infatti a quelli autostradali, la percorrenza e gli interventi nel tratto soggetto a concessione ), ma è consistita in questa prima parte del periodo estivo anche in interventi mirati su arterie e località maggiormente interessate da fenomeni di sinistrosità e pericolosità dovuta alle condotte di guida.

In alcuni casi, infatti, l’analisi degli accadimenti ci ha indirizzato sulle maggiori cause che hanno determinato sinistri e situazioni di pericolo. Invero, non sempre la velocità è stata la prima causa di alcuni sinistri rilevati sulle strade extraurbane, laddove Autobus e Autocarri datati, unitamente a veicoli condotti con esasperata riduzione della velocità consentita, comportano dapprima l’incolonnamento dei veicoli e poi manovre di sorpasso che, per l’andamento delle strade risultano poi estremamente pericolose ed in qualche caso fatale.

E’ occorso quindi un assiduo monitoraggio su questi tratti a rischio, prevenendo le situazioni di potenziale pericolo anche attraverso l’implementazione della segnaletica stradale richiesta agli Enti proprietari della Strada. Controlli sulla velocità (circa 200 nel periodo considerato) sono stati costantemente effettuati su strade ed autostrade, con autovelox e telelaser, e nell’ultimo periodo hanno riguardato sovente anche i motocicli che percorrono alcuni tratti collinari, dove vengono poste in essere condotte di guida al limite della regolarità. In perfetta sintonia con le disposizioni impartite dal Servizio Polizia Stradale e di quelle recepite nell’ambito di progetti e servizi organizzati a livello Comunitario (c.d. Servizi ad Alto Impatto), sono stati disposti mirati servizi volti a verificare l’uso delle cinture di sicurezza, sia anteriori che posteriori (862 le violazioni accertate in materia), la copertura assicurativa e la regolarità dei veicoli soggetti a revisione periodica (rispettivamente 12 e 19 le violazioni contestate), quelli poi relativi all’obbligo previsto dell’utilizzo degli apparati viva voce ed auricolari (sono state 328 le violazioni accertate), che ancora stentano a diventare una simbiotica consuetudine tra conducente e veicolo.

Infatti, l’utilizzo di smartphone con le connesse applicazioni (selfie, facebook, whatsapp e la recente caccia ai pokemon), durante la guida è sempre più causa di pericolosi incidenti che riguardano in molti casi, altri conducenti ignari e perfettamente ossequiosi dei comportamenti previsti dal Codice della Strada.

A tutto ciò vanno ad aggiungersi i controlli per verificare l’eventuale stato di ebbrezza in cui versa il conducente. Per la Polizia Stradale l’intera estate è da considerarsi un continuo contrasto alle “stragi del sabato sera”. Infatti, sia pure a macchia di leopardo, le pattuglie dislocate sul territorio, negli orari di maggiore interesse, hanno sempre al seguito precursori ed etilometri per verificare le condizioni dei conducenti eventualmente postisi alla guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche e/o stupefacenti (13454 persone sono state sottoposte ad accertamento nel periodo considerato, di cui 2975 in ambito autostradale, 225 le infrazioni accertate per la guida sotto l’influenza di alcool, tra cui circa 20 hanno comportato una denuncia penale per l’elevato tasso alcolemico, 12 invece quelle sotto l’influenza di sostanze stupefacenti).

Le patenti ritirate per tali violazioni, sommate a quelle per eccesso di velocità rilevato con i misuratori in precedenza indicati, sono state ben 343; 14710 i punti decurtati; 154 le carte di circolazione dei veicoli ritirate. Tutto ciò è avvenuto, occorre sottolineare, nonostante l’ampliamento delle competenze che hanno riguardato alcuni itinerari sulla SS 16 prettamente legati alla stagione estiva che inducono a rilevare soste selvagge sulle strade litoranee, guida senza casco dei motocicli con al seguito passeggeri non in regola, la presenza di venditori ambulanti non autorizzati e veicoli non revisionati spesso impiegati per brevi tratti e poi parcheggiati sul bordo strada riducendo il normale utilizzo della carreggiata.

E’ evidente che senza una maggiore consapevolezza al volante ed un oculato rispetto delle norme che regolano la circolazione stradale, in breve una maggiore collaborazione da parte di tutti gli attori che intervengono sulle reti stradali ed autostradali attraverso una sostanziale concentrazione alle sole operazioni di guida, non riusciremo da soli come Polizia Stradale e le altre forze a ciò deputate, a salvare molte vite umane evitando ogni giorno la consumazione di pesanti tragedie umane.

Immagine di repertorio

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!