MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

“Regione Marche inadempiente per il diritto all’aborto legale, sicuro e gratuito”

Martedì 18 giugno 2024 discussione in Consiglio regionale e presidio in Piazza Cavour dalle ore 10 alle ore 13

3.189 Letture
commenti
Interruzione volontaria di gravidanza, aborto, legge 194

Metodo farmacologico disponibile solo in poche strutture e solo fino a 7 settimane di gestazione invece che fino a 9 come nel resto d’Italia, obiezione di coscienza, rete consultoriale in sofferenza per mancanza di personale e strumenti, presenza di associazioni antiabortiste nei consultori.

Nella Regione Marche inadempiente sul diritto all’aborto legale, sicuro e gratuito, si annunciano iniziative per martedì 18 giugno, quando il Consiglio regionale ha calendarizzato all’ordine del giorno la discussione su questi temi, oggetto di un’interrogazione e di un’interpellanza del Partito democratico. Nel pubblico saranno presenti l’Associazione dei ginecologi territoriali (Agite), Aied Ascoli Piceno, l’Associazione ginecologi non obiettori (Laiga) e Pro-choice rete italiana contraccezione aborto, con la rete femminista Marche Molto+di194 che indice anche un presidio nel piazzale antistante la sede del Consiglio, in Piazza Camillo Benso di Cavour, 23 ad Ancona.

All’ordine del giorno della seduta è in discussione l’interrogazione n. 1185, già presentata il 18 aprile 2024 che chiama in causa la Giunta regionale e l’Assessore competente su “interruzione volontaria di gravidanza con mifepristone e prostaglandine, in regime ambulatoriale o di Day Hospital e mancato recepimento linee di indirizzo del Consiglio Superiore di Sanità del 12/08/2020”. Nel testo dell’interrogazione, a prima firma della consigliera Pd Manuela Bora, si sottolinea che “la quota di IVG farmacologica nelle Marche (20,7%) è meno della metà della media nazionale (47,3%), con forte variabilità tra punti IVG”. E’ calendarizzata anche un’interpellanza sulle Modalità di applicazione della legge 194/1978 con particolare riferimento alla presenza delle associazioni c.d. “pro-vita” nei consultori.

“L’accesso all’IVG nelle Marche non è complicato solo dalla indisponibilità del metodo farmacologico oltre la 7 settimana, ma anche dai livelli di obiezione di coscienza nei consultori e negli ospedali, come mostrano i dati che abbiamo ottenuto dalla Azienda sanitaria regionale con una specifica richiesta di accesso agli atti”, dichiara Marte Manca, attivista trans-femminista di Pro-choice RICA (rete italiana contraccezione aborto). Quanto ai consultori, oggetto dell’interpellanza, “in riferimento all’anno 2023, su 66 consultori familiari meno della metà rilasciano le certificazioni IVG, cioè 27. In base alla legge 194, l’obiezione di coscienza è consentita solo sulla procedura abortiva e non per ciò che la precede o la segue e dunque non dovrebbe essere permessa in consultorio. Eppure, in 7 sedi consultoriali il personale è al 100%, in 18 sedi lo è dal 40% al 67%, in 13 sedi la percentuale va dal 20% al 33 %. Solo in 9 sedi non c’è personale obiettore”.

Quanto agli ospedali, a Fermo e Jesi l’obiezione di coscienza è al 100%, a Senigallia, Civitanova e Fano tra l’80% e il 90%, solo ad Ancona e Urbino è sotto al al 30%.

“L’8 marzo 2022 è stata inviata una diffida da parte di oltre 20 associazioni ed entità per chiedere l’applicazione delle linee di indirizzo del 2020, senza che questa abbia prodotto alcun riscontro” fa notare la Rete femminista Marche Molto+di194. La Regione, nonostante la massiccia letteratura scientifica internazionale e le linee di indirizzo ministeriali, in campo di IVG farmacologica è ancora in fase di sperimentazione, dal 2016. Nel 2024, dopo 8 anni, siamo ancora qui ad aspettare: perché l’IVG farmacologica in Day Hospital con un solo accesso e/o in consultorio non avviene in tutte le Marche?

 da Moltopiudi194 Rete Femminista Marche

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!