MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

“Nelle Marche meno risorse alla sanità regionale, come se non ne avesse bisogno”

Lo afferma il Partito Democratico delle Marche, rivolgendo alcune domande ai gestori della sanità marchigiana

1.129 Letture
commenti
Sanità, medicina, medici

Il PD Marche esprime profonda preoccupazione riguardo alla gestione economica della sanità regionale sotto la guida del Presidente Acquaroli. Due aspetti critici emergono dalle recenti notizie riguardanti i bilanci delle Aziende Sanitarie Marchigiane.

La prima questione riguarda il record del bilancio più breve al mondo, dove alle Aziende Sanitarie è stato comunicato il budget definitivo per il 2023 solo a fine anno, coprendo un periodo di soli tre giorni. Alle Aziende Sanitarie è stato comunicato il 29 dicembre che per quell’anno che stava finendo avrebbero avuto a disposizione un budget di molto inferiore all’anno precedente. Questa tempistica solleva dubbi sull’efficacia della pianificazione economica.

La seconda problematica riguarda l’assegnazione provvisoria per il 2024, inferiore di 149 mila euro rispetto a quanto ricevuto nel 2023. Questa riduzione solleva domande sulla sostenibilità e sull’impatto che avrà nei servizi sanitari offerti ai cittadini, che già presentano non poche criticità. Come faranno le Aziende sanitarie a qualificare la loro offerta così come previsto nell’ambizioso Piano socio-sanitario, visto che avranno molte meno risorse?

Il PD Marche sottolinea la necessità di chiarezza da parte della Regione, richiedendo spiegazioni su almeno 3 questioni fondamentali:

Perché è stato ridotto il finanziamento per il 2024 nonostante un aumento complessivo, in termini assoluti, dei fondi statali per la sanità, dovuti alla fortissima inflazione?

Perché il legittimo accantonamento è stato aumentato del 271% rispetto al 2023 quando le risorse per risanare la sanità marchigiana servono ora?

Che ne sarà di queste risorse, ben 112 milioni di euro, trattenute e lasciate alla GSA – Gestione Sanitaria Accentrata e genericamente disponibili per qualsiasi volontà dalla giunta regionale?

Perché sono state aumentate del 30% verso gli enti privati invece di rafforzare la sanità pubblica per tutti?

Il PD Marche chiede alla Regione di fornire spiegazioni esaurienti e di adottare misure correttive per garantire una gestione sanitaria trasparente, equa e efficace per tutti i cittadini marchigiani.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!