MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

La Regione Marche detta le linee guida per la gestione del Pronto Soccorso

L'assessore Saltamartini: "Il rafforzamento della medicina territoriale passa attraverso i finanziamenti del PNRR"

1.115 Letture
commenti
Pronto Soccorso, Ospedale

Ambulatorio per i codici minori, modello organizzativo predefinito per il boarding, campagne informative per l’uso appropriato del Pronto Soccorso e contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, potenziamento del coinvolgimento delle Direzioni Generali. Sono tra le misure che la regione sta mettendo in atto per ridurre il fenomeno del sovraffollamento dei Pronto Soccorso e per garantire un servizio migliore agli utenti.

“Ancora troppi pazienti si rivolgono ai Pronto Soccorso – sottolinea il vice presidente e assessore alla Sanità Filippo Saltamartini – e questo perché il territorio non è sempre in grado di dare risposte soddisfacenti. Il rafforzamento della medicina territoriale passa attraverso i finanziamenti del PNRR e la formazione dei medici di base, che sono carenti per una errata programmazione: questa giunta è intervenuta aumentando le borse di studio ma per avere gli effetti sperati serve ancora tempo”.

Le linee guida organizzative regionali per la presa in carico nella rete dell’emergenza-urgenza, in ottemperanza delle indicazioni ministeriali, sono racchiuse in una Delibera di Giunta recentemente approvata. Il percorso di monitoraggio e potenziamento è stato condiviso con i professionisti del Pronto Soccorso, istituendo una apposita cabina di regia.

Tra le novità più significative ogni presidio ospedaliero dovrà dotarsi di un modello organizzativo predefinito di boarding (attesa da parte del paziente di un posto letto in reparto dopo la decisione di ricovero) che contenga: il numero di posti letto, per ciascun reparto, da dedicare ogni giorno ai ricoveri provenienti dal PS, tempistica e logistica da adottare per il ricovero (orario comunicazione posti letto, numero pazienti da ricoverare, etc), nelle ore notturne l’accesso al letto deve essere garantito per i pazienti clinicamente stabili; modalità per la gestione di eventuali ricoveri in sovra numero nei singoli reparti rispetto ai letti disponibili (barelle, letti aggiuntivi, posti letto in reparti diversi da quelli di attribuzione dei pazienti).

L’atto contiene poi il Manuale di Triage che dettaglia in modo unico ed univoco le modalità di attribuzione dei codici di priorità. Viene suggerita l’organizzazione di ambulatori per i codici minori per differenziare le attività di presa in carico e ridurre i tempi di attesa, e l’attivazione di protocolli condivisi per il Fast Track, ossia avviare il paziente dal triage direttamente alla visita specialistica richiesta per ridurre tempi, sovraffollamento e migliorare la qualità percepita. Accessi e percorsi verranno periodicamente monitorizzati dall’Agenzia Regionale Sanitaria (ARS) per individuare correttivi appropriati. E’ raccomandato inoltre un maggior livello di responsabilizzazione delle direzioni aziendali nei confronti del sovraffollamento dei PS, in modo che abbiano un ruolo attivo nella prevenzione del fenomeno.

Fondamentali saranno anche le campagne informative e di sensibilizzazione: in primo luogo contro la violenza agli operatori sanitari diffondendo una politica di tolleranza zero verso atti di violenza, fisica o verbale; incoraggiando il personale a segnalare prontamente gli episodi subiti e suggerendo le misure per ridurre o eliminare i rischi; rafforzando il coordinamento con le Forze di Polizia o altri soggetti che possano fornire un valido supporto e l’impegno delle Direzioni per la sicurezza nelle proprie strutture.

Il Ministero delle Salute ha lanciato la campagna #laviolenzanoncura, rivolta alla popolazione in generale. Ma vanno messe in campo anche campagne informative per l’uso appropriato del Pronto Soccorso, in modo che il cittadino sappia orientarsi nella rete dei servizi.

“Il grado di soddisfazione degli utenti verrà infine costantemente monitorato attraverso la somministrazione di questionari – conclude Saltamartini -. Intanto abbiamo aumentato a 100 e 50 euro le tariffe orarie per le prestazioni aggiuntive rispettivamente dei medici e degli infermieri che operano nei servizi di emergenza e urgenza ospedalieri, per ridurre il ricorso alle cooperative. Attraverso queste linee guida vogliamo attivare percorsi condivisi per far funzionare al meglio le risorse che abbiamo a nostra disposizione”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!