MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Una proposta di legge per le celebrazioni del Centenario della nascita di Mario Giacomelli

Mangialardi: "Grazie alla sua opera le Marche dialogano alla pari con le più prestigiose istituzioni culturali del mondo"

1.546 Letture
commenti
Presentazione proposta di legge per celebrazioni Centenario della nascita di Mario Giacomelli

Nella giornata in cui Mario Giacomelli avrebbe compiuto 98 anni, in consiglio regionale è stata presentata la proposta di legge depositata dal capogruppo del Partito Democratico Maurizio Mangialardi per l’organizzazione delle celebrazioni e delle iniziative culturali che si svolgeranno nel 2025, in occasione del Centenario della sua nascita.

La proposta di legge è stata sottoscritta anche dal presidente dell’Assemblea legislativa delle Marche Dino Latini e dai consiglieri regionali Marta Ruggeri, Simona Lupini, Giacomo Rossi, Mirko Bilò, Anna Casini, Manuela Bora, Andrea Biancani, Romano Carancini, Fabrizio Cesetti, Antonio Mastrovincenzo e Micaela Vitri.

Mario Giacomelli è riconosciuto internazionalmente come uno dei maggiori fotografi del Novecento. La sua produzione è considerata in tutto il mondo come la più alta espressione artistica della Scuola del Misa, quel gruppo di straordinari fotografi che animò il panorama culturale italiano e non solo a partire dal 1954.

“Scegliendo la data del 1° agosto per presentare questa proposta di legge – afferma Mangialardi – abbiamo voluto fare un regalo di compleanno al maestro, al quale lega un forte sentimento di riconoscenza. Senigallia, ma direi tutte le Marche, devono moltissimo a Mario Giacomelli. È al suo lavoro, infatti, che dobbiamo in primo luogo il brand di Senigallia Città della Fotografia, uno straordinario hub regionale che ci ha consentito di diventare un punto di riferimento internazionale e di dialogare alla pari con prestigiose istituzioni culturali come il Moma di New York e i grandi musei europei, dove le opere del maestro continuano ad animare esposizioni che riscuotono un enorme successo di pubblico e critica. Auspico che questa legge possa diventare una nuova occasione di crescita anche per tanti fotografi locali, che alla Scuola del Misa hanno sempre guardato con interesse, arrivando talvolta, come nel caso del senigalliese Lorenzo Cicconi Massi, a raccoglierne l’eredità”.

La proposta di legge prevede la costituzione da parte della Regione Marche di un Comitato promotore delle celebrazioni del Centenario della nascita di Mario Giacomelli, il quale avrà il compito di elaborare e coordinare un programma e un piano di iniziative culturali di carattere educativo e formativo con incontri, mostre fotografiche e convegni, coinvolgendo in particolar modo le scuole, e valorizzando i processi di sviluppo turistico in collaborazione con enti e istituzioni pubblici e privati.

Il Comitato sarà composto dall’Assessore regionale alla cultura, da un consigliere regionale, da un dirigente competente in materia di beni e attività culturali, dal sindaco di Senigallia e da quelli degli eventuali Comuni coinvolti, dai rappresentanti dei soggetti pubblici e privati che concorrono alla realizzazione della celebrazione e dal direttore del Museo comunale d’arte moderna dell’informazione e della fotografia di Senigallia.

“Una proposta di legge bipartisan – sottolinea il presidente dell’Assemblea legislativa delle Marche, Dino Latiniche rappresenta il segnale di come la Regione intenda valorizzare un suo grande figlio. Più passa il tempo e più esce nitida la figura di Giacomelli nel panorama artistico contemporaneo, fotografo che con i suoi scatti ha ritratto con coerenza i suoi ideali, il suo essere e il suo territorio. Saranno certamente numerose le iniziative di sostegno, come ho avuto modo di apprendere anche dal consigliere Ciccioli, che accompagneranno le celebrazioni per il centenario della nascita di Giacomelli”.

“I progetti per il centenario della nascita di Mario Giacomelli – conclude il direttore del Musinf di Senigallia Gian Mario Raggettisono molti. Tra questi spiccano la costruzione di una rete regionale, che partendo da Senigallia sappia aprirsi al territorio e fare sinergia con tutte le realtà che nelle Marche si occupano di fotografia, e un programma di incontri nei teatri con i giovani studenti delle classi quarte e quinte delle scuole superiori marchigiane. Ciò lo faremo seguendo l’impulso dato dal professor Carlo Emanuele Bugatti al Musinf e nello spirito di Giacomelli, che ha affidato alla nostra comunità parte della sua opera invitandoci a farne buon uso e a diffondere il significato del fare arte con la fotografia”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!