MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Interreg Italia-Croazia 2014-2020, le Marche guidano il progetto Made-In-Land

Un budget di 380mila euro dedicati alla Regione per la valorizzazione turistica delle aree interne

Angelo Sciapichetti

La Regione Marchecoordinerà un team di otto enti italiani e croati, per la realizzazione del progetto Made In-Land, co-finanziato dal programma europeo Interreg Italy-Croatia 2014-2020. Ne dà notizia l’assessore alle Aree interne, Angelo Sciapichetti.

“Il progetto ha un budget di circa 2,2 milioni di euro di cui l’85 per cento proveniente dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale – informa Sciapichetti – e alle Marche sono stati assegnati circa 380mila euro. Fondi che verranno destinati alla valorizzazione turistica delle aree interne e dei suoi tesori attraverso il rafforzamento della rete costa-entroterra.

In particolare, si lavorerà per dare ai visitatori la possibilità di accedere facilmente alle informazioni e ai servizi turistici che collegano le aree costiere con quelle interne, ricche di patrimoni artistici e naturali. Il progetto mira a preservare le bellezze naturalistiche e artistiche del territorio, favorendo flussi turistici più informati, in chiave sostenibile, ed offrendo percorsi alternativi ai turisti che affollano la costa, soprattutto nel periodo estivo”.

Il risultato tangibile che si propone il progetto sarà un aumento del flusso turistico dell’entroterra grazie al potenziamento di punti informativi costieri con tecnologie user-friendly, in modo da agevolare i turisti nell’accesso a tutte le informazioni necessarie per visitare l’entroterra.

I produttori e il tessuto economico turistico verranno coinvolti nelle attività di progetto, in modo da renderle il più aderenti possibile alle esigenze locali. Assieme alla Regione Marche partecipano a Made In-Land l’Università di Camerino, in qualità di soggetto tecnico-scientifico e la Soprintendenza Archeologica delle Belle Arti delle Marche.

Il partenariato si compone, inoltre, di: Comune di San Leo, Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità – Romagna, Comune di Riccia, GAL Molise verso il 2000, Università di Zara, Agenzia di Sviluppo Zadra Nova e Agenzia di Sviluppo della Penisola Istriana.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!