MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Gli agricoltori delle Marche hanno manifestato a Roma

"Garantire una produzione sostenibile e sicura, un'eccellenza del paese"

2.436 Letture
commenti
Agricoltori marchigiani manifestano a Roma

L’11 dicembre a Roma di fronte a Palazzo Montecitorio si è svolta la manifestazione degli operatori del settore agricolo, organizzata dal Sindacato Cereali e Macchine Agricole Confcommercio Marche Centrali, in collaborazione con le organizzazioni, A.I.G.A.Co.S. (Associazione Italiana per la Gestione Agronomica e Conservativa del Suolo), T.E.R.R.A di Marche, Apima Ancona e Consorzio Agrario di Ancona.


Renato Frontini, Presidente di T.E.R.R.A di Marche e Presidente del Sindacato Cereali e Macchine Agricole Confcommercio Marche Centrali, commenta: “Siamo stati a Roma con colleghi provenienti da tutta Italia, ovvero imprenditori agricoli, contoterzisti, commercianti, sementieri e trasformatori per far sentire la nostra voce e ricordare al Governo come il nostro lavoro di tutti i giorni è garantire una produzione agricola italiana sostenibile e sicura, con l’obiettivo di portare sulle tavole degli italiani un cibo sano, sicuro e di qualità, simbolo dell’eccellenza del nostro Paese”.

Il sit-in organizzato dalle associazioni di categoria ha l’obiettivo di informare il Governo Italiano sulla reale situazione rispetto all’utilizzo dei fitosanitari in agricoltura, nel rispetto delle legge e della comunità.
“Gli agricoltori sono i primi a rispettare e tutelare la nostra terra, e di conseguenza l’ambiente e la salute dei consumatori e l’utilizzo dei fitofarmaci in agricoltura rappresenta un elemento fondamentale per l’agricoltura in Italia, Paese che si distingue per aver adottato le più restringenti normative a tutela della salute dei consumatori e dell’ambiente”, continua Renato Frontini “Chiediamo al Governo di continuare a lasciarci lavorare nel pieno rispetto delle normative nazionali ed europee ed evitando potenziali restrizioni nell’utilizzo dei fitofarmaci in Italia che non solo non trovano conferma dal punto di vista scientifico ma possono compromettere significativamente la produttività e conseguente redditività delle nostre imprese, facendo diminuire le rese e aumentando i costi di gestione, creando un danno a tutto il comparto agricolo in Italia”

L’utilizzo sostenibile di fitofarmaci in agricoltura consente sia i combattere le principali avversità delle piante quali malattie infettive, fisiopatie, parassiti e fitofagi animali, piante infestanti sia di
ridurre la quantità di carbonio nell’atmosfera: le tecniche di agricoltura conservativa permettono infatti di assorbire una tonnellata di carbonio per ettaro di terreno ogni anno.

Questo metodo di coltivazione riduce drasticamente le emissioni delle macchine agricole, migliora la qualità del suolo e della materia organica e protegge il terreno dall’erosione.

 

Da

Terra Marche

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!