MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Il Consorzio di Bonifica scannerizza i fiumi delle Marche

Alta tecnologia e rilievi digitalizzati nelle acque marchigiane

1.151 Letture
commenti
Scannerizzazione Fiume Misa

Alta tecnologia al servizio del Consorzio di Bonifica e, quindi, dei cittadini marchigiani.

Questo è il servizio offerto dalla società cooperativa ‘The sign’ di Offida, specializzata in rilievi digitalizzati e misurazioni ad elevatissima precisione in condizioni particolarmente difficili.

Il Consorzio di Bonifica si è rivolto allo studio ‘The sign’ per avere la miglior panoramica possibile in vista dei vari interventi di gestione idraulica dei corsi d’acqua. “Il nostro staff – spiega l’architetto Massimo D’Ignazio – è composto da quattro professionisti. Oltre a me ci sono l’ingegner Andrea Tozzi di Offida, il geometra Davide Butteri di Grottammare e l’altro architetto Fabio Pasquarè di Marina di Altidona”. D’Ignazio, 49 anni, è il veterano di un gruppo giovane e ambizioso: Tozzi e Butteri sono trentenni mentre Pasquarè ha da poco superato i 40.

“Ci occupiamo – continua D’Ignazio – di rilievi digitalizzati, cioè in 3D. Utilizziamo uno scanner che in linea di principio funziona come quello di casa, solo che lavora a 360 gradi, in manera spaziale. Possiamo dire, in termini semplici, che lo scanner preleva un milione di punti al secondo. Questi punti vengono poi trattati e modellati in modo da ricreare la realtà in formato digitale. Ora pensate a questo strumento applicato alla ricostruzione di un corso d’acqua: i nostri rilievi permettono al Consorzio di capire quando è necessario ripulire l’alveo, constatare le condizioni degli argini, capire se c’è un principio di smottamento, se ci sono alberature che possono dar fastidio o anche se è il caso di inserire elementi in cemento per prevenire possibili disagi.Tutto questo è possibile grazie al nostro scanner e al preziosissimo lavoro dei tecnici del Consorzio, che inseriscono i nostri dati all’interno dei programmi di gestione idraulica e trovano via via le soluzioni ai vari problemi che si presentano”.

Gli strumenti utilizzati da ‘The sign’ sono tre: il laser scanner, il gps e le cosidette ‘stazioni totali’, necessarie per avere quote e distanze.

“Il vantaggio dell’avere a disposizione il laser scanner – conclude D’Ignazio – sta nel fatto che rispetto al drone riesce ad operare anche in punti in cui la vegetazione è fitta. Il drone è perfetto in aperta campagna ma in molti tratti dei corsi d’acqua marchigiani non è l’ideale. Per avere una ricostruzione di alta qualità, come vuole il Consorzio, entriamo in scena noi. Fin ora abbiamo ‘scannerizzato’ il fiume Scarsito a Pioraco, il fiume Foglia a Pesaro e il Misa a Senigallia, muovendoci a volte su canoe e persino calandoci in acqua con le mute da sub”.

Da

Consorzio di Bonifica

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!