MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Marche, Psr lumaca: 30 milioni in ritardo per le aziende e rischio blocco per le nuove domande

Nei casi più estremi si parla di pagamenti relativi alle domande presentate nel 2016

1.479 Letture
commenti
agricoltura

Il prossimo 15 maggio scadono i termini per presentare le domande del Psr legate a importanti settori come il biologico, la forestazione e il benessere animale. Ma ci sono domande già presentate negli ultimi tre anni per le quali non sono stati ancora erogati i fondi a disposizione.

E questo mette a forte rischio le domande 2019 che, per un meccanismo a cascata, potrebbero restare bloccate per la necessità di erogazione dei premi in ordine cronologico. Nei casi più estremi si parla di pagamenti relativi alle domande presentate nel 2016. Circa 30 milioni ancora da riscuotere per le aziende agricole marchigiane, circa il 25% delle somme a disposizione. In generale la nostra regione è fanalino di coda nella classifica nazionale dell’avanzamento di spesa del Prs.

Rispetto alla programmazione 2014/2020 nella Marche l’avanzamento di spesa è sotto il 18%. “La situazione è di assoluta urgenza e priorità nel riconoscere un diritto per gli agricoltori e nel migliorare la capacità di spesa della Regione – commenta Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – per concludere non solo in maniera decorosa l’attuale programmazione ma per evitare di compromettere le dotazioni future per l’agricoltura marchigiana, fonte primaria di occupazione, economia e responsabilità ambientale“.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!