MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Parco del Conero: “Situazione incresciosa: danneggiato tutto il territorio”

Busilacchi:"Subito la nomina del direttivo"

1.035 Letture
commenti
Panorama del promontorio del Monte Conero e delle sue campagne

“Subito la nomina del Consiglio direttivo del Parco del Conero”. Lo chiede al presidente Ceriscioli e alla Giunta il consigliere regionale Gianluca Busilacchi (Art 1 – Mdp) che in un’interrogazione urgente ricostruisce le vicende dell’Ente, commissariato dal gennaio del 2018, e sottolinea i danni che questa situazione di stallo sta causando a tutto il territorio.

Già questa estate – ricorda Busilacchi – il Consiglio regionale con un ordine del giorno ha invitato l’esecutivo a provvedere il prima possibile alla nomina del componente del Consiglio direttivo per ricostituire l’organismo. Non trovando un accordo, per risolvere il problema la Giunta ha presentato una proposta di legge con una nuova composizione del direttivo. Ancora oggi, nonostante audizioni, discussioni ed emendamenti, la pdl è ferma nella commissione competente”.

A questa situazione già complessa, pare si stia aggiungendo un nuovo nodo da risolvere. “Da recenti notizie – riporta Busilacchi nell’atto ispettivo a risposta immediata – sembrerebbe che il Parco del Conero non possa esprimere il proprio parere in merito a un progetto per la riqualificazione del Passetto, perché tra i progettisti risulterebbe anche il Commissario straordinario del Parco. Per superare questo evidente conflitto di interessi sembra sia stata addirittura richiesta la nomina di un secondo Commissario straordinario: due commissari per un parco”.

Busilacchi, “per risolvere definitivamente questa situazione incresciosa”, invita a procedere con la nomina del Consiglio direttivo secondo la legge regionale ancora in vigore (l.r. 13/12), sottolineando le conseguenze che un commissariamento così prolungato sta provocando a un’area che rappresenta un’eccellenza paesaggistica e ambientale.

Questa situazione ha indebolito l’intero territorio – conclude – ed è chiaro che anche per avviare la candidatura della Riviera del Conero alla lista del patrimonio mondiale dell’Unesco non si può prescindere da un Ente Parco che abbia piena operatività giuridica e amministrativa“.

Redazione Marche Notizie
Pubblicato Martedì 18 dicembre, 2018 
alle ore 8:31
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!