MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Regione Marche, approvata la legge su bullismo e cyberbullismo

Mastrovincenzo: "Frutto di un lungo percorso di ascolto. Investiti 260mila euro fino al 2020"

2.443 Letture
commenti
bullismo, botte, scuola

Il Consiglio regionale approva la legge “Disciplina degli interventi regionali di carattere educativo per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni del bullismo, del cyberbullismo, del sexiting e della cyberpedofilia“.

La norma, che ha ottenuto il via libera con voto unanime, è il risultato di un lavoro di sintesi tra due proposte di legge. La prima presentata nel 2016 dal consigliere Luca Marconi (Udc), la seconda del 2017, di cui primo firmatario è il presidente Antonio Mastrovincenzo, sottoscritta dai consiglieri del Partito Democratico Minardi, Giacinti, Volpini, Urbinati, Micucci, Giancarli e da Busilacchi (Mdp).

“Le Marche sono tra le prime regioni in Italia a dotarsi di una legge specifica su questi temi – sostiene il presidente Mastrovincenzo. Questo testo è il risultato di un lungo confronto, aperto e costruttivo, perché stiamo parlando di fenomeni estremamente complessi e in continua evoluzione. Abbiamo condiviso la proposta con l’Ordine degli psicologi, le associazioni, il Tribunale dei minori, i rappresentanti della Polizia Postale, dei servizi socio-sanitari e del mondo della scuola.

La legge recepisce la normativa nazionale e prevede la predisposizione di un Piano triennale delle politiche integrate, con contributi importanti, 260 mila euro per il triennio 2018-2020, per i progetti formativi ed educativi”. Le norme prevedono anche l’istituzione di un Comitato con compiti di analisi e coordinamento e l’istituzione nel mese di novembre della “Giornata di educazione ai nuovi media”.

“Le azioni contenute nella legge – aggiunge Mastrovincenzo – aiuteranno non solo i ragazzi, ma anche le famiglie. Nel testo c’è una forte attenzione alle vittime, con strumenti per favorire le denunce, come il numero verde, e si incentiva il lavoro in rete con le scuole, le Università e il terzo settore”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!