MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Voucher servizi socio-educativi per minori: ok da IV Commissione Regione Marche

Via libera a maggioranza ai criteri di ripartizione delle risorse. Per il triennio 2018-2020 un milione di euro per ciascuna delle annualità

1.087 Letture
commenti
famiglia, società, integrazione, servizi sociali

Parere favorevole, a maggioranza (astenuti Leonardi, FdI, Pergolesi, M5s, e Zaffiri, Lega Nord), da parte della IV commissione regionale “Salute” ai criteri e le modalità di ripartizione delle risorse destinate ai “voucher” per la compartecipazione delle spese sostenute dalle famiglie che usufruiscono di servizi socio-educativi per la prima infanzia. A disposizione un milione di euro per ciascuna annualità del triennio 2018-2020.

I “voucher” sono rivolti a famiglie con minori a carico di età compresa tra 3 e 36 mesi. Verrà riconosciuto un solo “voucher” a famiglia, del valore massimo di 2mila euro per una quota mensile di 200 euro, che potrà coprire in tutto o in parte il costo della retta mensile anche a fronte della presenza di più figli nella fascia di età considerata. Il nucleo famigliare potrà utilizzarlo per concorrere alle spese di frequenza dei propri figli nei nidi pubblici e privati, compresi gli agrinido; nei centri per l’infanzia, nei nidi domiciliari e nelle sezioni primavera.

“E’ stata introdotta, rispetto all’esperienza del bando 2017, una significativa semplificazione delle procedure – sottolinea il presidente della Commissione, Fabrizio Volpini, relatore di maggioranza del parere – con il rimborso diretto alle famiglie anziché all’ente gestore della struttura per l’infanzia. I nuovi criteri di ripartizione dei fondi, inoltre, non tengono conto solamente dell’Isee, ma introducono un canale preferenziale per le famiglie numerose e la possibilità di usufruire dei voucher non solo nelle strutture pubbliche ma anche in quelle private purché accreditate”.

Critico il relatore di opposizione Sandro Zaffiri. “Ci siamo astenuti perché i criteri individuati dalla Regione – evidenzia – avvantaggiano le famiglie numerose che statisticamente, è noto, non sono italiane. Inoltre le famiglie che potranno usufruire dei voucher non hanno l’obbligo di essere residenti in Italia da molto tempo”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!