MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

“Vigili del Fuoco delle Marche lasciati con cibo peggiore di quello degli animali”

Il sindacato Conapo sul "caos mense": "la Stato prima tesse le nostre lodi, poi ci pugnala risparmiando su nostra salute"

2.356 Letture
commenti
Mense dei Vigili del Fuoco

Si è tenuto mercoledì 3 gennaio ad Ancona, presso la Direzione regionale dei vigili del fuoco delle Marche, un incontro tra il direttore centrale delle risorse logistiche e strumentali del 115 e i rappresentanti nazionali e regionali del Conapo, il sindacato autonomo dei vigili del fuoco che nei giorni scorsi ha proclamato lo stato di agitazione del personale, in seguito al caos che si è generato con le nuove modalità di somministrazione della mensa dopo l’entrata in vigore del nuovo bando 2018-2020.

“E’ stato un confronto duro e dai toni accesi”, riferisce il segretario regionale del Conapo, Mirco Luconi, che aggiunge:  “disastroso il contratto mensa appena sottoscritto, così come la situazione attuale della mensa di servizio, che da giorni risulta fortemente lacunosa in tutta la regione: in alcuni casi ha rischiato di lasciare a ‘bocca asciutta’ i vigili marchigiani per la mancata consegna delle derrate alimentari. In molti casi ci vengono serviti pasti – di cui per legge abbiamo diritto in ragione dei prolungati turni di lavoro che svolgiamo – preparati in centri di cottura esterni e portati in caserma in condizioni igienico sanitarie quantomeno discutibili. Per non parlare, ovviamente, della qualità del cibo. Spesso inferiore a quello per gli animali. Lo Stato vuole risparmiare minando la nostra salute, sono arrivati a negarci una mensa degna di questo nome“.

“Oggi – conclude Luconi – il triste epilogo. La nostra amministrazione dimentica chi sono i vigili del fuoco e il loro ruolo. Dimenticati proprio da quei dirigenti e politici che spesso, pubblicamente, tessono le nostre lodi ma che oggi non esitano a danneggiarci e pugnalarci alle spalle, nel peggiore e più vigliacco dei modi, in nome del risparmio. A vantaggio di chi ? Non certo dei vigili del fuoco”.

La battaglia, annuncia il sindacato Conapo, non può che continuare.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!