MarcheNotizie.info
Versione ottimizzata per la stampa

Indagine Cgil regionale: -13,5% di assunzioni nel primo trimestre 2016 rispetto al 2015

Il segretario Cgil Marche Santarelli: "vi è il rischio di assistere a una strage occupazionale se non si cambia regime"

1.589 Letture
commenti
manifestazione della Cgil per il lavoro

Un’indagine dell’Ires Cgil regionale rivela che nel primo trimestre del 2016 le aziende delle Marche hanno assunto 30.310 persone; -13,5% rispetto allo stesso arco di tempo del 2015.


Il 5,4% è stato assunto come apprendista, il 74,8% ha un contratto a termine e solo il 19,7% ha ottenuto un contratto a tempo indeterminato.

I cambiamenti da contratto di apprendistato a contratto a tempo indeterminato sono stati 950, dato che – almeno questo – rassicura i lavoratori in quanto ha una percentuale di +35,9%.

La trasformazione da tempi determinati a tempi indeterminati sono state invece 2.213, un preoccupante 30,1% in meno rispetto al trimestre 2015.

Il saldo è inoltre fortemente negativo (-2.397) tra assunzioni e cessazione dei contratti a tempo indeterminato.

Giuseppe Santarelli, segretario regionale Cgil, sottolinea che ciò che preoccupa non è tanto il confronto con il 2015 ma bensì quello con il 2014, anno in cui non vi erano gli incentivi istituiti di recente.

Vi è infatti, rispetto al 2014, un calo dei contratti: a tempo indeterminato del 9,67%, di apprendistato del 23,79% e a tempo determinato del 10,28%.

Santarelli ha aggiunto inoltre che se il Governo non cambierà politica, vi può essere il rischio di una “strage occupazionale”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Marche Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!